22 e 23 giugno: la festa della Famiglia a Palermo

0

Sì, una festa, sarà proprio una festa il Family Day che si sta organizzando a Palermo nelle giornate di sabato 22 e domenica 23 giugno al Parco Ninni Cassarà.
La grande festeggiata sarà la Famiglia: saranno quindi mamma, papà e tutti i bimbi che come in un normale fine settimana potranno divertirsi al parco sugli scivoli, le altalene… Questa volta, però, sarà un’uscita al parco speciale: saranno loro i festeggiati e non mancheranno dunque le sorprese.

Nel corso delle intere giornate, a partire dalle 10:30, infatti, ci sarà chi racconterà “Fiabe a gettoni” (Teatro atelier ‘La lucciola’) e prima di pranzo, sia sabato che domenica, le famiglie potranno assistere allo spettacolo di Ignazio De Blasi “Il cantastorie del Belice”. Nel pomeriggio di sabato i bambini, presso “la collinetta degli elfi”, rimarranno incantati dall’ operina teatrale “L’elfo, scrittore dispettoso” (di Valentina Harè, arpista: Alessio lo Giudice) e per finire, all’anfiteatro, musica dal vivo con gli “Agre Sound”. Domenica ancora musica: uno spettacolo itinerante di musica folk siciliana con “I Malarazza”.
A concludere la giornata di festa, domenica, i bambini (anche quelli un po’ cresciuti) potranno divertirsi alle 18:30 con il Grande spettacolo dell’ Opera dei Pupi della “Compagnia Nino Cuticchio, Teatro Ippogrifo”.

Sarà sì una festa, ma sarà anche una manifestazione per ricordare a tutti gli italiani e alle istituzioni che la Famiglia va difesa, perché è veramente la base della società: è lì che si nasce, da una mamma e da un papà – bisogna precisare questa naturale evidenza ultimamente – e si impara a vivere e a costruire una società sana, il più possibile a misura d’uomo (non è necessario elencare qui le sofferenze provocate quando la famiglia non è in salute e di conseguenza le ripercussioni su tutta la società).
Sarà un’occasione, quindi, per dire che «La Famiglia noi la difendiamo», come lo slogan delle magliette del Family Day che come simbolo hanno – non a caso – lo stesso dei manifestanti francesi de La manif pour tous, che in Francia, in seguito dell’approvazione della legge sui “matrimoni” e adozioni gay, si battono per la difesa della Famiglia e dei diritti dei bambini, le principali vittime di una legislazione molto confusa sul significato di Matrimonio, Famiglia e sul concetto di diritti, spesso scambiati per pretese e atti solo a soddisfare i propri capricci (i figli non sono un “diritto”).
Un invito ad «adoperarsi attivamente perché» questo genere di «diritti vengano garantiti da una legislazione adeguata» viene dal Comitato promotore del Gay Pride nazionale, che quest’anno si svolgerà proprio a Palermo il 22 giugno e a cui parteciperanno anche il ministro Idem e il presidente della Camera Boldrini, oltre al Comune di Palermo, Regione Siciliana, Provincia di Palermo e altre istituzioni.
E le istituzioni – che non promuovono certo importanti politiche a sostegno delle famiglie italiane e non procedono verso la risoluzione di problemi più urgenti delle unioni (e matrimoni) omosessuali – infatti si stanno adoperando proprio in questa direzione.

Non è dunque un caso che il Family Day sia lo stesso giorno e nella stessa città del Gay Pride nazionale: per dare ancora più risalto alla bellezza della Famiglia e dell’istituto naturale del Matrimonio – per definizione tra uomo e donna – e dare quindi voce alle famiglie, troppo spesso dimenticate.
Nel momento in cui tutto viene svuotato del suo significato, «tutto è negato», si è anche costretti a «testimoniare che due più due fa quattro» e a discutere su cose che dovrebbero essere ovvie: si nasce da un uomo e da una donna e si nasce maschi e femmine, non lo si diventa. Sabato alle 11:30 sarà Luca Di Tolve, omosessuale per oltre vent’anni, a presentare il suo libro in cui racconta la sua storia; nel corso delle conferenze di sabato pomeriggio si parlerà proprio di “Matrimoni’ omosessuali, teoria del gender e omofobia” e per concludere si farà una Tavola rotonda: “Famiglia e Matrimonio: quale futuro?”. Domenica si continuerà nella mattinata con la presentazione della rivista Pro-life News e nel pomeriggio, alle 16:30, ci sarà l’ultima conferenza su Uguaglianza, pari dignità e reciprocità tra donna e uomo”.

Insomma, oltre al divertimento, mostre artigianali, non mancheranno nemmeno le occasioni per comprendere meglio certi fenomeni ed ideologie con cui ormai la Famiglia si deve confrontare.
Allora, il 22 e 23 giugno, tutti a Palermo al Parco Ninni Cassarà, perché è la festa di tutti (veniamo tutti da una famiglia): grandi e piccini e giovani, le famiglie di domani.

Rossella Rumore

Apparentemente distratta ma attenta e curiosa, con picchi di pignoleria - da far rimpiangere la Rossella assai disordinata e sbadata - soprattutto quando si tratta di chiamare le cose con il loro nome, senza se e senza ma... Amo scoprire le sorprese della vita e il mondo a poco a poco… Il mio motto preferito è quello dei ragazzi de La Rosa Bianca: "uno spirito forte, un cuore tenero"