Alla scoperta di “Roba a caso da Wikipedia”

0

L’admin gestisce anche la pagina Facebook”Guide inutili ma diversamente utili”. Scopriamone i segreti!

Passiamo su Facebook gran parte del nostro tempo. Nei momenti liberi apriamo il cellulare e scorriamo la home di FB in cerca di contenuti più o meno interessanti. Oltre le foto e i pensieri dei nostri amici troviamo anche i post delle più disparate pagine Facebook che, per qualche ragione, abbiamo deciso di seguire.

Ma chi c’è dietro queste pagine? Come nascono? E che scopo hanno?
Avremmo potuto contattare gli admin di pagine celebri o sensate, invece abbiamo deciso di contattare G.C., l’amministratore di Roba a caso da Wikipedia e, da poco, di Guide Inutili ma diversamente utili.
Vediamo cos’ha da dirci riguardo il fantastico mondo delle pagine Facebook.

Perché hai pensato di creare queste pagine?
Non avevo nulla da fare e quindi ho pensato “Perché non rompere le scatole alla gente?”
Roba a caso da Wikipedia è nata per combattere tutti quegli articoli che si servono del clickbait per fare visualizzazioni. Parlo di quegli articoli di giornale a cui vengono dati dei titoloni fuorvianti per attirare gli utenti che, incuriositi da un titolo fuori tema, cliccano sull’articolo e fanno guadagnare il sito. Noi andiamo a rompere le scatole nei commenti di questi articoli commentando con un contenuto preso da Wikipedia che, col tema dell’articolo, non c’entra assolutamente niente.


Guide utili ma diversamente utili è una pagina che si serve del clickbait, no?
Vedendo come Salvatore Aranzulla guadagna con guide che spiegano come spegnere Windows 10, mi sono chiesto perché io non potessi fare dell’ironia al riguardo. Da qui l’idea di creare Guide inutili ma diversamente utili. Spiego alla gente come aprire porte, come collegare telefoni alla rete elettrica e come fare una ricerca su Google.

Dove vuoi arrivare con queste pagine?
Voglio diventare ricco! Il sito ha le pubblicità: guadagno anche se si accede al sito da mobile!

Quindi vuoi che le tue pagine diventino famosissime sul web.
Esatto, come Lercio. Abbiamo preso contemporaneamente spunto dai format di Lercio e di Aranzulla ed il risultato si chiama Guide inutili ma diversamente utili.

Hai altri sogni nel cassetto? Altri esperimenti? Altre idee 
Non lo so. Le idee vengono intorno le ore 23:00, prima di addormentarmi: “Perché non apro una pagina Facebook?”. Sai che Roba a caso da Wikipedia è nata alle 3:00 del mattino?

Come mai si parla meno di Roba a caso da Wikipedia? Si tratta di una pagina stupida? 
Non è una pagina stupida! Ci siamo resi conto che la gente si è stufata di vedere commenti inutili sotto i post, per cui stiamo cercando di cambiare format e di offrire una forma di intrattenimento alternativa ai fan. Secondo molti, quello attuale è un format passato e obsoleto. Dobbiamo riconquistare gli utenti di Facebook. In una settimana avevamo perso circa 400 like, fortunatamente li abbiamo presto recuperati quasi tutti.

Non pensi che anche i fan possano ad un certo punto snobbare i contenuti tratti da Wikipedia?
Grazie al nuovo format, stiamo cercando di rendere più interessanti i contenuti della pagina. Uniamo la goliardia alla cultura poiché insegniamo agli utenti qualcosa di nuovo. Immagina, ad esempio, che qualcuno non sappia cosa sia un computer. Noi pubblichiamo un contenuto strampalato di un tizio che distrugge un computer accompagnato da una descrizione che definisca il significato di computer. La gente ride perché vede un contenuto comico ma contemporaneamente impara qualcosa. Uniamo l’utile al dilettevole.

Era quindi iniziato tutto con un nobile intento. Pian piano le esigenze della rete hanno mutato la natura del progetto di Roba a caso da Wikipedia e, da qui, è nato il progetto ironico di Guide inutili ma diversamente utili. Se non riesci a battere il nemico allora alleati con lui… o fai le stesse cose in modo ancora più stupido.

Francesco Pirrotta

Sono uno studente di ingegneria. Amo la matematica, la lettura, la scrittura, l'attualità, lo sport e la politica. Sono un sognatore: sto coi piedi per terra, ma con gli occhi all'insù. La penna, per me, è solo uno dei modi che ho per migliorare il mondo.