Che cos’è l’amicizia?

0

L’amicizia è una virtù o s’accompagna alla virtù; inoltre essa è cosa molto necessaria per la vita. Infatti nessuno sceglierebbe di vivere senza amici, anche se avesse tutti gli altri beni. E infatti sembra che proprio i ricchi e coloro che posseggono cariche e poteri abbiano soprattutto bisogno di amici; infatti quale utilità vi è in questa prosperità, se è tolta la possibilità di beneficare, la quale sorge ed è lodata soprattutto verso gli amici? O come essa potrebbe esser salvaguardata e conservata senza amici?

Infatti quanto più essa è grande, tanto più è malsicura. E si ritiene che gli amici siano il solo rifugio nella povertà e nelle altre disgrazie; e ai giovani l’amicizia è d’aiuto per non errare, ai vecchi per assistenza e per la loro insufficienza ad agire a causa della loro debolezza, a quelli che sono nel pieno delle forze per le belle azioni. […] (Aristotele, Etica Nicomachea, trad. cap. 1, pp. 193-194).

Che cos’è l’amicizia? Cosa lega due amici tra loro? Quando è vera amicizia e non semplice conoscenza? Che cos’è l’Amicizia con la A maiuscola? Come trovare la vera amicizia? Sull’amicizia molto si è scritto e addirittura un telefilm americano ne ha tratto ispirazione e il nome (Friends).

Vediamo un po’. Wikipedia definisce l’amicizia come: “un sentimento di affetto vivo e reciproco tra due o più persone dello stesso o di differente sesso, ma anche tra esseri umani ed esseri appartenenti al mondo degli animali. È considerato uno dei più importanti stati emozionali, dopo l’amore universale, alla base della vita sociale, perché fonte di collaborazione al benessere comune, aiuto e condivisione di momenti importanti.” Sul dizionario ho trovato la seguente definizione: “il legame affettuoso fra due o più persone, nato dalla consuetudine e da affinità di sentimento, tenuto saldo da una reciproca stima e considerazione.”
Per Cicerone l’amicizia “non è altro che un accordo perfetto su tutte le cose divine ed umane, accompagnato da benevolenza e da amore”. Vediamo di trovare altri punti. L’Amicizia è:

  1. Condivisione di segreti e complicità
  2. Affinità di natura e comunanza di ispirazioni
  3. Passare insieme dei momenti unici
  4. Condividere un giocattolo
  5. Fiducia e intesa reciproca
  6. Potersi rilassare e lasciarsi andare
  7. Poter sempre e comunque contare sull’altro
  8. Un sorriso al momento giusto
  9. Parlare lo stesso linguaggio
  10.  Capirsi con uno sguardo

Nella concezione classica Cicerone definisce l’amicizia come un sentimento molto elevato, che dona e richiede moltissimo; assai raro, ma capace di dar serenità a chi ne è partecipe. Cicerone ci parla anche, non senza un certo disprezzo, di quelle che vengono considerate amicizie da molti: un insieme di interessi personali, opportunismo, calcoli mondani; ma è la vera amicizia, quella che ci presenta l’autore nello stretto rapporto fra due dei più rappresentativi personaggi del suo tempo: Lelio (l’oratore di quest’opera dialogica) e Scipione, la cui recente dipartita è fonte di preoccupazione per lo stato.
E’ un’amicizia in cui l’interesse personale è bandito, in cui l’intesa spirituale, pur nella divergenza a volte di idee, è la caratteristica determinante; è un rapporto paritario fra due personalità carismatiche che mantengono la fermezza di carattere pur nella reciproca intimità; è un sentimento assai duraturo che, pur potendo scemare nel tempo, e portare anche a rotture violente, è capace di gratificare in somma misura chi lo assapora. Cicerone ci parla anche dell’impossibilità della vera amicizia fra persone troppo diverse caratterialmente e come orientamento morale; illustra altresì i limiti della vera amicizia, quando essa porta a compiere atti e azioni contrarie ai propri principi, alla morale, alle leggi, allo stato.

Cogitanti, cosa è per voi l’ amicizia? E…cosa è oggi l’amicizia, esiste ancora? Come dovrebbe essere per voi l’amico/a ideale?

Laureato in scienze della comunicazione e si occupa di comunicazione e relazione con i media in vari campi: scrive su Chiesa, giovani, cultura e società. E' formatore al centro Elis, di ragazzi delle scuole superiori. Ama molto stare con i giovani ed è molto appassionato del mondo degli adolescenti.