Clowns

0

 Ministri e referenti della cosa pubblica ricattati da Servizi dell’ordine; addetti al recupero dei tossicodipendenti arrestati per spaccio di stupefacenti; politici, educatori, insegnanti e genitori indagati e giudicati di pesantissimi delitti contro minori e contro la giustizia; dichiarazioni di Gay d’alto bordo “I migliori clienti? I vostri mariti”; attori in rivolta contro le lobby cinematografiche: “ La donna oggetto è imposta da Hollywood”.

Questi solo alcuni degli argomenti che in queste ore scandiscono il tempo dell’ emergenza educativa. Three suggestions for you.

No Line On The Orizont degli U2 descrive nelle ultime strofe un sogno ricorrente. Il protagonista è chiamato a coordinare e dirigere ma si trova improvvisamente a scappare al suono delle sirene: I’m a Traffic Cop, Rue du Marais/ the sirens are wailing but it’s me that wants to get away.

Uprising (Muse): il video disponibile su YouTube è in realtà un collage di fotogrammi del film “V come Vendetta”: è l’apoteosi dell’anarchia; che bello – è il messaggio che sembra trasmettere – vedere cadere le teste mozzate di ipocriti paladini del nulla e dell’ipocrisia. Muse, mannaggia, siete grandi ma perché volete apparire qualunquisti? E’ questa l’unica risposta che si riesce a dare? Speriamo sia un video assemblato in fretta non molto pensato…ok, perdonati.

Tempo fa Clowns delle T.A.T.U. descriveva questa situazione: ci sono pagliacci tutti intorno a te. Riesci ancora a vedermi?
Questo è il punto: la persona, il bene, il senso che ha l’opporsi alla mediocrità, l’inenarrabile dono che è l’altro per me… sembra scomparire. ‘Questi’ pretendono di dirti quello che dovresti sentire, è una croce che devo portare. E’ la persona schiacciata tra l’ansia di libertà, il desiderio di incontrare l’altro e i vincoli imposti dai pagliacci che la circondano: pesanti ed incoerenti attori di una parte che non “reggono”.

Vi prego di lasciare da parte il gossip sull’orientamento sessuale delle due cantanti. Non c’entra. Dalle notizie che circolano sul web pare più una bufala, una trovata pubblicitaria per incrementare l’effetto “trasgressivo” della loro immagine. Le due cantanti sovietiche sembrano felicemente ed etero sessualmente fidanzate: hanno solo pensato bene di gonfiare ulteriormente con qualche posa un po’ sensuale la vivida curiosità degli adolescenti; attualmente gay is trendy e inoltre l’ambiguità è sempre qualcosa che fa vendere di più.
In ogni modo l’importante è che quel brano parla.

Soluzioni? Chi ci azzecca è bravo. E’ una crisi epocale; nulla di mai visto prima. Alcuni spunti più che altro…:

a)  La rinnovata decisione (assolutamente personale e ad esclusivo carico di ognuno) di mettere in campo tutte le energie, la creatività, i talenti che madre natura ha dato a giovani ed educatori che (ancora!) si sentono chiamati allo svolgimento del loro compito.

b)  L’idea di lavorare in rete. Nessuno da solo ha la corretta visione di insieme. La crisi di senso è la crisi di uomini isolati, ridotti a monadi benpensanti dai loro stessi stili di vita. E sto parlando dei “buoni”, di quelli che avrebbero voglia di vedere le cose andare in un altro senso.

c)  L’essere aperti ai segni dei tempi. Chi dice che bisogna chiudersi e difendere il “risultato” (quale?) ha forse delle ragioni, ma deve confrontarsi con chi dice che bisogna aprirsi e mischiarsi al mondo senza paura di perdere la propria identità. Negli studi e nel dialogo bisogna affrontare questo punto che pare il faccia-a-faccia di posizioni inconciliabili: dobbiamo uscire da questa empasse

 

[youtube width=”580″ link=”http://www.youtube.com/watch?v=8orJXzkZ_N0″]

 

Cogitoetvolo