Come scogli sommersi

0

Come scogli sommersi
dove l’acqua è l’onda che ripiega
in brulichii di schiuma
prigionieri restiamo del tempo
chi tregua non ci concede
e ce ne rifugiamo nei nostri pensieri più belli
mentre lento scivola il nero
mantello della notte e dalla finestra
della mia stanza vedo le stelle brillare
nel cielo. Lento è l’ incedere del
nostro cammino.. incerto, oscuro
a tratti brillante, manifesta
immagine di anima piena di splendido candore
ma dove tutto trema nel nostro cuore a
volte timidamente compaiono minute speranze.

Questo racconto, scritto da Alberto Mazzullo, è risultato vincitore del premio Cogitoetvolo al concorso “iPlay new… you Play old – verso un’autentica vita felice”, svoltosi a Terrasini (PA) e sponsorizzato da Cogitoetvolo.

Cogitoetvolo