Diario di Etty Hillesum

0

La tragica esperienza dei campi di concentramento non ci ha lasciato soltanto cumuli di scarpe spaiate e stracci, capelli e pigiami a righe, colonne di fumo e polvere umana. Le baracche di legno, fredde ed essenziali, hanno dato alloggio a grandi personalità, che hanno trovato, in mezzo alla miseria della vita nel lager, un senso alla via. Uomini e donne che hanno saputo rispondere a domande grandi, infinite, mentre con tenacia cercavano di aggiungere ogni giorno un giorno in più alla loro vita.

Primo Levi, Anna Frank, Edith Stein, Viktor Frankl, Massimiliano Kolbe e tanti altri, intellettuali e non, hanno coltivato lo spirito, mentre il loro corpo, vittima di soprusi, si riduceva all’osso.

Etty Hillesum (1914-1943) è sorella spirituale di questi animi grandi.

Ecco una pagina del suo Diario, scritta il 20 luglio 1942:

«[…] Per umiliare qualcuno si deve essere in due: colui che umilia, e colui che è umiliato e soprattutto: che si lascia umiliare. Se manca il secondo, e cioè se la parte passiva è immune da ogni umiliazione, questa evapora nell’aria. Restano solo delle disposizioni fastidiose che interferiscono nella vita di tutti i giorni, ma nessuna umiliazione e oppressione angosciose.

Si deve insegnarlo agli ebrei.

Stamattina pedalavo lungo lo Stadionkade e mi godevo l’ampio cielo ai margini della città, respiravo la fresca aria non razionata. Dappertutto c’erano cartelli che ci vietano le strade per la campagna. Ma sopra quell’unico pezzo di strada che ci rimane c’è pur sempre il cielo, tutto quanto.

Non possono farci niente, non possono veramente farci niente.

Possono renderci la vita un po’ spiacevole, possono privarci di qualche bene materiale o di un po’ di libertà di movimento, ma siamo noi stessi a privarci delle nostre forze migliori con il nostro atteggiamento sbagliato: con il nostro sentirci perseguitati, umiliati e oppressi, con il nostro odio e con la millanteria che maschera paura. Certo ogni tanto si può esser tristi e abbattuti per quel che ci fanno, è umano e comprensibile che sia così. E tuttavia: siamo soprattutto noi stessi a derubarci da soli.

Trovo bella la vita, e mi sento libera.

I cieli si stendono dentro di me come sopra di me. Credo in Dio e negli uomini e oso dirlo senza falso pudore.

La via è difficile, ma non è grave.

Dobbiamo prendere sul serio il nostro lato serio, il resto verrà allora da sé: e “lavorare sé stessi” non è proprio una forma di d’individualismo malaticcio.

Una pace futura potrà esser veramente tale solo se prima sarà stata trovata da ognuno in sé stesso – se ogni uomo si sarà liberato dall’odio contro il prossimo, di qualunque razza o popolo, se avrà superato quest’odio e l’avrà trasformato in qualcosa di diverso, forse alla lunga in amore se non è chiedere troppo. E’ l’unica soluzione possibile.

E così potrei continuare per pagine e pagine. Quel pezzetto d’eternità che ci portiamo dentro può esser espresso in una parola come in dieci volumi.
Sono una persona felice e lodo questa vita, la lodo proprio, nell’anno del Signore 1942, l’ennesimo anno di guerra. »

Ed ecco la presentazione del Diario fatta da Cultbook:

[youtube width=”590″ link=”http://www.youtube.com/watch?v=D-AphnsXPmY”]

 

SCHEDA DEL LIBRO
Titolo: Diario di Etty Hillesum
Autore: Etty Hillesum
Genere: Testimonianza
Editore: Adelphi
Età minima consigliata: 16 anni
Pagine: 260
Guido Vassallo

Insegno in una scuola media, ma la cosa che mi piace di più è imparare. Per questo leggo, per questo parlo con la gente e mi stupisco ogni volta dell'infinità dello spirito umano.