Dieci piccoli indiani

0

Dice Calvino che in mezzo al rumore di fondo dell’attualità (i giornali, l’ultimo romanzo, l’ultima inchiesta sociologica), che è come il brusio del traffico fuori dalla finestra, la lettura di un classico è un suono chiaro e articolato nella stanza. Ma molti non riescono a udire questa musica, perché nella stanza l’attualità irrompe dalla televisione accesa a tutto volume. Nel migliore dei casi costoro avvertono la presenza dei classici come un rimbombo lontano?

Tenersi aggiornati sì, bene. Leggere i bestseller anche. Ma occorre ogni tanto tornare ai classici. La sinfonia di cui voglio parlare oggi è quella di Dieci piccoli indiani, della maestra d’orchestra Agata Christie, per restare nella metafora.

Un giudice in pensione, un giovane rampante, un chirurgo di chiara fama, un veterano della Grande Guerra, una giovane insegnante di educazione fisica, un ex poliziotto, una anziana e bigotta signorina di nobile famiglia, vengono convocati con diversi pretesti a casa di un misterioso signor Owen. La casa è una bella villa moderna che si trova su un’isolotto a pochi chilometri dalla costa del Devon, sud dell’Inghilterra. Ma il loro strano ospite non si fa trovare e gli otto visitatori vengono accolti dal maggiordomo Rogers che, insieme alla moglie, ha ricevuto l’incarico di prendersi cura di loro. Tutti, coniugi Rogers compresi, hanno un passato non proprio immacolato. L’eccitazione di una vacanza nella suggestiva Nigger Island lascia presto il posto al timore. Già poche ore dopo il loro arrivo, infatti, uno degli invitati muore. E poi un altro. E un altro? Sul tavolo della sala pranzo dieci statuette di piccoli negretti vanno sparendo una dopo l’altra.

Dietro ogni pagina speri che l’assassino si tradisca, che faccia un passo falso. E man mano che il cerchio delle possibilità si stringe i sospetti ricadono ora su uno, ora sull’altro dei personaggi. Ma Dieci piccoli indiani è un magistrale esempio di ‘enigma a camera chiusa’, sottogenere del giallo che racconta delitti impossibili. La vittima era sola in una stanza chiusa da dentro. Il soprannaturale è escluso? E così qui: dieci persone su un’isola e poi non rimase nessuno (che era il titolo originale del romanzo).

SCHEDA DEL LIBRO
Titolo: Dieci piccoli indiani
Autore: Agatha Christie
Genere: Giallo
Editore: Mondadori
Età minima consigliata: 16 anni
Pagine: 210
Guido Vassallo

Insegno in una scuola media, ma la cosa che mi piace di più è imparare. Per questo leggo, per questo parlo con la gente e mi stupisco ogni volta dell'infinità dello spirito umano.