E se un amore finisce…

1

L’ultima volta che ho sentito parlare una ragazza del suo fidanzato è stata quella in cui ne ha parlato male. Qualche attimo prima le loro strade si erano separate. La ragazza continuava a inferocirsi, come se avesse voluto trafiggerlo ad ogni parola, ma era talmente ferita…

Inizialmente mi era sembrato un tentativo di confidenza, poi, però, ho capito che in quel monologo si stava liberando da un macigno di lacrime e dolore.

Quando un rapporto tra due ragazzi si spezza non ci sono frasi o decaloghi da seguire, non c’è incoraggiamento perfetto che regga. Il dolore che si prova ad ogni età (e a quell’età!) ha la sua grandezza e i suoi insondabili segreti; inutile dire che sono amori giovanili, cose passeggere, infatuazioni…

Sono storie, storie d’amore che hanno una loro dignità, un loro percorso, ed esigono certamente rispetto.

A quella ragazza avrei voluto dire tanto. Avrei voluto raccontarle, ad esempio, che il dolore, non è sempre una maledizione. Perché una storia finita può, paradossalmente, aiutarci a rinascere; nel momento in cui il nostro cuore è ferito diventa anche vulnerabile, “attaccabile”, e il dolore non solo attraversa la nostra anima ma può addirittura nutrirla. In realtà non vorremmo mai che accadesse, anzi, quando capita vorremmo allontanare per sempre quella persona che ha scatenato tutto. Così il buio tanto evitato comincia ad erompere e irrompere nella nostra serenità. Ma è proprio quando si spegne la luce che cominciamo a capire il significato della vista e allora riusciamo a vedere in profondità tutto ciò che prima ci era sfuggito. Capiamo che quel dolore non è vano ma ci aiuta a dare il meglio di noi, è uno sprone, un pretesto che ci spinge a rinascere.

Dobbiamo ricordare che “nella vita ci sono giorni pieni di vento e pieni di rabbia, ci sono giorni pieni di pioggia e pieni di dolore, ci sono giorni pieni di lacrime; ma poi ci sono giorni pieni d’amore che ci danno il coraggio di andare avanti per tutti gli altri giorni”.

Il dolore, così, non sempre cancella il nostro meglio, semmai diventa un motivo per dare il meglio. Senza torpore, senza cullarsi, senza indugiare sugli errori. La sofferenza di un amore, di una perdita, di una malattia può insegnarci tanto, può farci capire che guardare le stelle non è stato mai così importante, che le piccole cose hanno senso solo dopo averle perse. E che, da quel momento in poi, la vita che ci circonda assumerà un significato speciale, nuovo, profondo.

Ora ci toccherà ricostruire tutto daccapo, dovremo fare una nuova casa.

Useremo la diffidenza di chi non crede più a nulla o la stessa identica voglia che avevamo impiegato nel costruire la prima? Saremo in grado di farla più grande e spaziosa? Ma, soprattutto, riuscirà ad essere il nostro posto, il riflesso della nostra anima?

Casa, come amore, vuol dire cura, sacrificio, germoglio e perla, frutto di un lungo processo di difesa, dolore e rinascita. Quel dolore non sarà più una sfortuna ma una benedizione che ci ha resi, finalmente, consapevoli delle nostre forze. Così nessuna storia finita sarà mai un cataclisma in grado di abbattere la voglia di ricostruire per ricominciare.

In conclusione, a questa ragazza e a tutti i ragazzi che soffrono o hanno sofferto per amore vorrei ricordare alcune parole di un famoso poeta: “Se qualcosa nei suoi stati d’animo le appare malato, rifletta che la malattia è il mezzo con cui un organismo caccia l’intruso; dunque bisogna solo aiutarlo a essere malato, a vivere tutta la malattia e a farla erompere, poiché questo è il suo progresso”.

Il poeta Rilke rivolgendosi al giovane Kappus mi ricorda la conchiglia, il predatore e la meraviglia che segue il dolore: la perla!

Sono Domenico, ho 29 anni e una passione smodata per la scrittura. Il mio sogno nel cassetto è scrivere un libro, l’altro è un viaggio per il mondo in sella alla mia bici. “Strappare la bellezza ovunque sia e regalarla a chi mi sta accanto” è quel che tento di fare attraverso i miei articoli. Spero che un pizzico di quella bellezza arrivi dritta dritta ai vostri cuori! Buona lettura!!!