Gioventù in Azione: un programma europeo per i giovani

EU_flag_yia_IT-01_piccoloGioventù in Azione 2007-2013 è un programma istituito dall’Unione Europea appositamente per i giovani.
Esso promuove l’educazione non formale, i progetti europei di mobilità giovanile internazionale di gruppo e individuale attraverso gli scambi e le attività di volontariato all’estero, l’apprendimento interculturale e le iniziative dei giovani di età compresa tra i 13 e i 30 anni. In Italia è attuato dalla Agenzia Nazionale per i Giovani.

 

Obiettivi
L’obiettivo generale del Programma è quello di incoraggiare i giovani ad essere cittadini attivi e di incoraggiarli a riflettere su temi di rilevanza europea e di coinvolgerli nel dibattito sulla costruzione e sul futuro dell’Unione Europea. Il programma Gioventù in Azione mira anche a diventare uno strumento per incentivare l’inserimento sociale, la cittadinanza attiva e l’occupazione di giovani con minori opportunità, contribuendo in generale alla coesione sociale.
Nell’ambito di ciascun progetto saranno perseguiti gli obiettivi del Programma, costituiti da priorità permanenti e priorità annuali.

 

Priorità permanenti

Cittadinanza europea
La sensibilizzazione dei giovani sul proprio essere cittadini europei è una priorità del programma Gioventù in Azione. I progetti dovrebbero essere caratterizzati da una forte “dimensione europea” e stimolare la riflessione sulla nascente società europea e sui suoi valori. Per sentirsi davvero europei, è necessario che i giovani acquisiscano consapevolezza del ruolo determinante che hanno nella costruzione dell’Europa presente e futura. Pertanto un progetto con una dimensione europea non dovrebbe soltanto “scoprire” l’Europa, ma anche e soprattutto mirare a contribuire alla sua costruzione.

Partecipazione dei giovani
Una delle principali priorità del programma Gioventù in Azione è la partecipazione attiva dei giovani.
La partecipazione si realizza nelle seguenti dimensioni:

  • incentivare la partecipazione dei giovani alla vita civile della propria comunità;
  • incentivare la partecipazione dei giovani al sistema della democrazia partecipativa;
  • fornire maggiore sostegno a varie forme di educazione alla partecipazione.

Il programma Gioventù in Azione incoraggia il coinvolgimento dei giovani in progetti con un impatto positivo sulla comunità in generale.

Diversità culturale
Il rispetto per la diversità culturale, insieme alla lotta contro il razzismo e la xenofobia, costituisce una priorità per il programma Gioventù in Azione. Favorendo attività comuni tra giovani con bagagli culturali, etnici e religiosi diversi, il programma mira infatti ad arricchire la loro formazione interculturale.

Inserimento di giovani con minori opportunità
Una priorità importante per l’Unione Europea è offrire accesso al programma Gioventù in Azione a tutti i giovani, inclusi i giovani con minori opportunità.
Gioventù in Azione è un programma rivolto a tutti: è importante perciò dedicare uno sforzo particolare all’inclusione dei giovani con necessità particolari.

Le priorità annuali definite dalla Commissione europea per il 2013 si possono consultare al seguente link

 

Chi può partecipare a Gioventù in Azione?
Possono partecipare al Programma tutti coloro che abbiano tra i 13 e i 30 anni; i limiti minimi e massimi di età seguono le regole proprie delle diverse Azioni.
Possono presentare un progetto all’Agenzia Nazionale per i Giovani, o anche essere partner di un progetto, i seguenti promotori:

  •  un’organizzazione senza scopo di lucro o non governativa
  • un ente pubblico locale o regionale
  • un gruppo informale di giovani

 

Azioni
Per raggiungere i propri obiettivi, il programma Gioventù in Azione si avvale di 5 Azioni operative, a loro volta articolate in più Sottoazioni. Le Azioni del Programma gestite direttamente dall’Agenzia Nazionale sono le seguenti:

 

Azione 1 – Gioventù per l’Europa

Azione secondaria 1.1 – Scambi di giovani
Gli Scambi di giovani permettono a gruppi di giovani di Paesi diversi di incontrarsi e di conoscere le rispettive culture. Lo scambio è progettato dai ragazzi stessi sulla base di un tema di interesse comune.

Azione secondaria 1.2 – Iniziative giovani
Questa Azione secondaria sostiene iniziative di gruppo concepite a livello locale, regionale e nazionale. Promuove, inoltre, la costituzione di reti di progetti simili tra vari Paesi, per rafforzarne il carattere europeo e per moltiplicare la cooperazione e lo scambio di esperienze tra i giovani.

Azione secondaria 1.3 – Progetti Giovani e Democrazia
I progetti appartenenti a questa Azione sostengono la partecipazione dei giovani alla vita democratica della loro comunità locale, regionale o nazionale, ma anche a livello internazionale.

 

 Azione 2 – Servizio Volontario Europeo

Lo SVE offre ai giovani dai 18 ai 30 anni un’esperienza di apprendimento interculturale in un contesto informale, promuovendone l’integrazione sociale e la partecipazione attiva. I giovani possono svolgere, infatti, un’attività di volontariato all’estero per un periodo che va da 2 a 12 mesi, adoperandosi come “volontari europei” in progetti locali in vari settori: dall’ambiente all’arte, dalla cultura alle attività sociali, dallo sport al tempo libero. Attraverso questa esperienza i giovani hanno l’opportunità di esprimere solidarietà verso gli altri e acquisire nuove competenze utili alla loro formazione personale.

 

Azione 3 – Gioventù nel mondo

Azione secondaria 3.1 – Cooperazione con i Paesi partner limitrofi all’Unione Europea
Questa Azione secondaria sostiene progetti con i Paesi partner limitrofi, in particolare progetti quali Scambi di giovani e di formazione e messa in rete nel settore giovanile.

 

 Azione 4 – Strutture di sostegno per i giovani

Azione secondaria 4.3 – Formazione e messa in rete degli operatori dell’animazione giovanile e delle organizzazioni giovanili
Questa Azione secondaria sostiene la formazione degli operatori socio-educativi e delle organizzazioni giovanili, in particolare lo scambio reciproco di esperienze, competenze e buone pratiche, nonché attività suscettibili di sfociare in progetti di qualità, partnership e reti di lunga durata.

 

Azione 5 – Sostegno alla cooperazione europea nel settore della gioventù

Azione secondaria 5.1 – Incontri di giovani e di responsabili delle politiche per la gioventù
Questa Azione secondaria sostiene seminari, cooperazione e dialogo strutturato tra i giovani, operatori nel settore giovanile e i responsabili delle politiche per la gioventù.

 

Collegamenti utili

Siti utili da visitare per approfondimenti su Gioventù in Azione e sulle possibilità offerte da questo programma e dalle risorse ad esso collegate:

http://www.agenziagiovani.it

http://www.salto-youth.net/

http://ec.europa.eu/youth

http://www.eurodesk.it/

www.youthpass.eu