I mostri della ragione / 2

0

“I mostri della ragione/2”, il viaggio tra i deliri di utopisti e rivoluzionari compiuto dal professore Rino Cammilleri attraverso le idee e le menti degli utopisti. La storia è piena di questi personaggi che sognano di plasmare la società per rendere eguale ogni singolo componente: mentre in antichità nessuno si preoccupava di concretizzare queste fantasie (vedi La Repubblica di Platone, considerata la prima opera utopica della storia e rimasta solo una fantasiosa idea), già dal ‘700, nella Francia prerivoluzionaria, l’intellettuale, con il suo culto della Ragione elevata al ruolo di Dio, elaborava teorie che hanno lasciato non pochi problemi alla società sia passata che odierna.

A tal proposito, brillante è la citazione tocquevilliana “il peggior politico va meglio del migliore intellettuale”, tenendo in considerazione che i “migliori intellettuali” sono Voltaire, Meslier, Rousseau, Diderot. Tutti nomi di spicco della rivoluzione, considerati i padri e i promotori della libertà, della fraternità e dell’uguaglianza, ma tutti, nella loro esistenza e con le loro opere, hanno dimostrato non solo poca coerenza con gli ideali portati avanti a costo di vite umane durante la rivoluzione, ma addirittura non sembrano poi così avvezzi all’uso della ragione.

Questi i nomi principali, ma nessun utopista né forma di utopia vengono dimenticati nel libro: si va dal modello spartano (l’eterno modello), alla “civiltà” degli Incas, ai primi tentativi concreti del secolo scorso di costruire villaggi basati sull’uguaglianza assoluta e la divisione totale dei beni (tentativi falliti miseramente, ma è divertente leggere l’organizzazione assurda e irrazionale di queste persone), al Sessantotto e John Lennon con la sua Imagine, a Marx e le sue strane inclinazioni. L’intellettuale, prigioniero delle sue teorie che mai si basano sull’esperienza reale, superbo e ideologizzato, continua a stroncare senza ricostruire, senza prendersi la responsabilità delle sue irreali affermazioni, e anzi portando tanta gente sprovveduta a credere nelle sue apparenti soluzioni.

Un libro pieno di eventi e personaggi curiosi, scritto con ironia e arguzia, in cui la storia non è mai filtrata dal politically correct, né mancano le dovute riflessioni morali ed etiche. Mai noioso e consigliabile a chi vuole saperne di più per non farsi condizionare da una visione spesso parziale e ideologica della storia.

 

 

SCHEDA DEL LIBRO
Titolo: I mostri della ragione / 2
Autore: Rino Cammilleri
Genere: Saggio
Editore: Ares
Età minima consigliata: 16 anni
Pagine: 360
Cogitoetvolo