Il Gruppo Vocale VIKRA alla XVI edizione di Corovivo 2017

0

Il Gruppo Vocale Vikra vince la sedicesima edizione del premio Corovivo: la tenacia e la professionalità, assieme alla passione, portano a grandi risultati.

La cittadina di Cividale del Friuli, le cui strade erano adornate dalle risate festose dei passanti intenti a godere delle diverse manifestazioni in atto, nella giornata di domenica 29 ottobre ha ospitato il concorso corale regionale Corovivo, quest’anno giunto alla sedicesima edizione.

Varie realtà corali del Friuli Venezia Giulia si sono confrontate nella chiesa di San Francesco, un luogo magico capace di offrire un’ottima acustica per chi aveva bisogno di contare su di essa per creare un effetto unico e speciale. Tra questi eravamo presenti anche noi del Gruppo Vocale Vikra di Trieste: ci siamo preparati con grande cura, passione, impegno, tenacia, serietà e professionalità, mettendo a dura prova ogni nostra debolezza e rendendo ciascuna di esse un punto di forza che ci avrebbe resi indistruttibili davanti a ogni ardua sfida. Proprio così è stato: da settembre si sono aggiunte al gruppo vocale nuove voci, tra cui la mia, che sono andate a sostituire altre che non avrebbero più potuto farne parte, ed è stata la prima esibizione che questa nuova combinazione di voci ha regalato al pubblico.

L’esigenza e l’autorevolezza della nostra direttrice Petra Grassi, qualità sempre accompagnate dalla grande passione, dal coinvolgimento emotivo e dall’energia incontenibile, sono stati fattori determinanti per raggiungere un livello veramente eccellente nella qualità del suono e nell’interpretazione delle canzoni proposte. Abbiamo presentato un repertorio molto caro alla nostra direttrice, composto da brani del primo Novecento sloveno per coro a voci pari. Abbiamo iniziato con Zimska di J. Ipavec, cercando di far destare l’inverno con le nostre voci, passando poi a Po Slovesu di E. Adamič, addolorandoci per il cuore dell’amato morto in guerra, impossibilitato a battere ancora, abbiamo continuato con Ave Maria di F. Gerbič, ponendo molta attenzione sulla delicata botta e risposta che le consonanti facevano tra loro, e da questa dolcezza siamo passati a Vihra di R. Savin, che si è rivelata una vera, sorprendente tempesta piena di vera musica, e abbiamo concluso con Pesem Mlade Čarovnice di A. Lajovic, mutando il nostro sguardo da minaccioso a misterioso, come tante streghe che tintinnavano nella notte.

La giuria è rimasta molto soddisfatta del valore di ciò che abbiamo presentato e con orgoglio ci siamo classificati, come è stato comunicato alle ore 20, nella fascia di eccellenza assieme ad altri quattro cori. Avremmo cantato nuovamente alle 21 la gran parte del nostro programma, in modo che i giudici potessero definitivamente decidere chi avrebbe portato a casa il Gran Premio Corovivo 2017. Abbiamo così deciso di eliminare dall’esecuzione finale solo l’Ave Maria. La nostra performance serale, che è stata tra le cinque quella conclusiva, si è rivelata davvero ottima e travolgente, piena di emozione e di maggiore sicurezza rispetto a quella pomeridiana: senza paura abbiamo dato il meglio di noi, emozionandoci ancora di più, consapevoli di tutto il lavoro che avevamo portato avanti fino a quel momento. Abbiamo atteso il verdetto finale, assistendo alla premiazione in piedi in fondo alla chiesa, stringendoci tra di noi o addossandoci al muro ancora tenuti vivi dall’adrenalina.

Vikra ha vinto, oltre alla fascia d’eccellenza, il premio per la migliore esecuzione di un brano nella categoria A, per il brano Po slovesu (Dopo il congedo) di E. Adamič, la nostra direttrice ha inoltre ottenuto il premio speciale come miglior direttore per aver dimostrato particolari doti tecnico-interpretative, e infine abbiamo conquistato il tanto ambito Gran Premio Corovivo 2017 come vincitori assoluti. Un traguardo notevole che abbiamo vissuto tra le nostre lacrime, i nostri sorrisi, le nostre grida esultanti e i nostri abbracci, accompagnati dagli applausi convinti di tutti i presenti. Con grande commozione e trasporto abbiamo replicato l’esecuzione di Po Slovesu, con una sentita soddisfazione negli occhi e nel cuore.

Questa esperienza ci ha insegnato tanto: la determinazione, la disciplina che va mantenuta dall’inizio alla fine e che va moderatamente ponderata con l’energia e la passione. Dal 17 al 19 novembre saremo impegnati nel concorso nazionale della città di Arezzo, il più prestigioso concorso nazionale italiano di musica corale, e la vittoria a Corovivo non è la conclusione di un progetto, bensì solo una esortazione a portare il nostro repertorio già di alto livello in un contesto di valore ancor più stimato, a migliorare sempre più, a metterci in gioco imparando a gestire l’ansia rendendola energia positiva per dare sempre il meglio. Il Gruppo Vocale Vikra non si ferma qui, e con prontezza saprà portare lontano la propria polifonia culturale e cromatica, sperando di saper emozionare ancora in una manciata di minuti con tutte le sfumature che in diversi mesi abbiamo dipinto nel nostro suono.

Anna Tonazzi

Dopo essermi diplomata al liceo classico Jacopo Stellini di Udine, proseguo lo studio dell'antichità con grande passione: infatti ora sono laureanda alla triennale in Lettere classiche. Il mio sogno è quello di diventare un'insegnante di italiano, storia, geografia, latino e greco. In contemporanea, da molti anni canto in diversi cori, attualmente nel Coro Giovanile Regionale del Friuli Venezia Giulia e nell'Ensemble vocale Vikra di Trieste, gruppi con cui partecipo a diverse iniziative di vari livelli, dal regionale all'internazionale.