Il messaggero

0

Esiste un Villaggio che accoglie tutti coloro che per disperazione o per odio sono dovuti fuggire dalle loro realtà. Tra questi c’è Matty, arrivato quando aveva sei anni insieme a un cagnolino, che sotto la guida del cieco Veggente ha imparato a vivere nella pace e nell’armonia. Ma qualcosa al Villaggio sta cambiando: strane cose succedono al Mercato del Baratto, dove i sentimenti stanno diventando merce di scambio. Anche la Foresta che lo circonda si sta trasformando, minacciosa, e Matty se ne renderà conto quando dovrà portare a termine la missione che gli è stata assegnata…

Se vi stavate chiedendo perchè i volumi della saga della Lowry non c’entrassero nulla l’uno con l’altro, Il messaggero è la risposta che stavate cercando. Terzo, ma non ultimo, capitolo della magica storia cominciata con The Giver collega i due mondi così diversi di Jonas e di Kira. Anche Matty, protagonista del romanzo, l’abbiamo già incontrato: è lo stesso Matt che in Gathering Blue odiava farsi il bagno e perseverava nel gironzolare tutto sporco, proclamandosi “Belva tra le Belve”. Ha deciso di lasciare la sua casa per seguire il papà di Kira, un cieco di nome Veggente che vede più in là di chiunque altro. Beh, non proprio di chiunque altro: è il Capo del Villaggio che è in grado di vedere il futuro, che minaccia di spezzare quell’armonia che regna tra gli abitanti. Chi giunge al Villaggio ha infatti alle spalle una storia tremenda e dolorosa, quella di chi viene rigettato proprio come un rifiuto perché è imperfetto. Ognuno di loro ha infatti un particolare difetto che lo rende speciale e diverso, di quella diversità che rende unici e inimitabili.

Uno dei pilastri della vita della comunità del Villaggio è sempre stata l’umiltà. Ma da un po’ di tempo è arrivato il Mercato del Baratto, un’entità oscura di cui la stessa autrice ci rivela assai poco. Si sono sempre barattati oggetti ma ultimamente chi vi partecipa ne esce sempre con un pezzetto di umanità in meno, con conseguenze catastrofiche sulla concordia della comunità. Anche la natura percepisce questo cambiamento e in tutta risposta sembra mettere in atto un piano per confinare il Villaggio dal resto del mondo. Il Villaggio è infatti circondato dalla Foresta, che Matty ha sempre attraversato senza aver alcuna paura. Quando però vi entrerà per portare a termine la missione affidatagli dal Veggente, la Foresta gli si rivolterà contro, tentando in tutti i modi di ferirlo.

Con il procedere dei capitoli della saga, l’autrice sembra dirigersi sempre più verso il filone del fantasy. La realtà in cui vive Matty è completamente diversa da quella di Jonas, c’è un sottofondo di magia che serpeggia durante tutto il corso della narrazione senza mai mostrarsi veramente. Così rimane un alone di mistero intorno al fantomatico Mercato del Baratto e sulle sue modalità di scambio, mentre la natura che si rivolta contro Matty sembra personificarsi in una sorta di forza oscura. Scopriamo così che anche Matty ha un grandissimo dono, che si rivelerà indispensabile per la sopravvivenza del Villaggio.

Una scrittura intrigante quella della Lowry che inchioda il lettore trasportandolo in un vortice di vicende le cui sorti rimangono aperte fino a pochissime pagine dalla fine. I finali dei tre volumi della saga sono sempre abbozzati, così come è la vita vera: non esiste la parola fine, perché ogni fine non è altro che l’inizio di una nuova avventura.

SCHEDA DEL LIBRO
Titolo: Il messaggero
Autore: Lois Lowry
Genere: Fantasy
Editore: Giunti
Età minima consigliata: 13 anni
Pagine: 208
Federica La Terza

Ogni riccio è un capriccio, un'idea e una curiosità. Il bisogno di andare oltre la superficie, oltre ciò che appare, mi ha spinto a coltivare a livello accademico il mio interesse per la scienza. Di fronte a tutto ciò che passa sotto la lente di ingrandimento della mia curiosità, cerco sempre di ricordarmi che per trovare risposte bisogna fare le giuste domande.