Il Ragazzo Invisibile

0

Un film di Gabriele Salvatores. Con Ludovico Girardello, Valeria golino, Fabrizio Bentivoglio, Noa Zatta. Paese: Italia, Francia. Anno: 214. Durata: 100’. Target: 11+. Uscita: 18/12/2014.

Un adolescente scopre di essere dotato di superpoteri. Inizia una favolosa avventura …

E’ il primo supereroe rigorosamente italiano. Il Ragazzo Invisibile di Gabriele Salvatores è un film dal sapore fantasy che suscita riflessioni ed emozioni più con il cuore che con gli effetti speciali. Un progetto originale, quello del Premio Oscar Salvatores, che apre una strada mai battuta dal cinema italiano che troppo spesso parla di crisi forse per mancanza di nuove idee veramente originali. Oltre al film in sala, infatti, è prevista l’uscita di un romanzo e di una serie a fumetti.

E’ questo il paradigma intorno al quale il regista di Mediterraneo ha costruito la sua personale sfida ai cinepanettoni di Natale, rompendo l’idea che i supereroi debbano per forza nascere ad Hollywood.

Michele ha tredici anni e sente molto la mancanza del padre mai conosciuto. Un eroe, gli dice la madre, scomparso nell’adempimento del suo dovere di poliziotto. E’ un bel ragazzino dai grandi occhi blu sensibile e riservato. E’ appassionato di supereroi e ha una cotta per Stella, la bionda compagna di classe che si accorge di lui soltanto nelle situazioni più paradossali in cui incappa giornalmente Michele, vittima di alcuni episodi di bullismo.

Abita a Trieste in una grande casa insieme alla madre poliziotta (Valeria Golino) che sta indagando sulla misteriosa scomparsa di alcuni bambini. Michele pensa che la sua vita sia un disastro. Per giunta un giorno gli rubano i soldi necessari per acquistare il vestito da Spider Man per andare alla festa di carnevale di Stella. Pur di non mancare rimedia per pochi spiccioli una tutina orribile al mini market cinese che lo ridicolizza e scatena la cattiveria dei soliti prepotenti.

Nella battaglia di ogni giorno chi non si è mai sentito inadeguato e invisibile almeno una volta nella vita? Chi non ha mai sentito il bisogno di avere un potere speciale in grado di renderci eroi almeno per un giorno? Dopo l’ultima umiliazione vissuta alla festa ecco che Michele esprime il desiderio di diventare invisibile. Desiderio che inspiegabilmente viene esaudito la mattina dopo. Ma non è l’abito la causa dell’invisibilità. C’è una verità da scoprire che ha a che fare con gli “Speciali” e con un improbabile psicologo un po’ sgangherato mentre i suoi compagni di classe sembrano sparire senza lasciare traccia. Intanto un uomo misterioso, Andrej, lo segue come un’ombra e avrà una parte fondamentale nella sua identità.

Da qui inizia l’avventura e il racconto di una delicata storia che, attraverso una solida sceneggiatura e a dei dialoghi convincenti, insegna come un grande dolore possa trasformarsi in uno straordinario e incredibile potere senza effetti speciali. Anche il montaggio, infatti, si tiene lontano dagli action movie hollywoodiani per accostarsi di più all’immaginario fumettistico.

Il film, presentato in anteprima a cinquecento ragazzi delle scuole medie, ha riscosso un grande successo. Forse perché del film fa parte l’idea che ognuno di noi è unico e irripetibile. Forse perché racconta di un viaggio di formazione (tante le citazioni ispirate a Spider Man) o perché pone grandi domande a misura di adolescente, esplorando nei sogni, nei desideri, nelle paure e nelle speranze che appartengono a tutti. Senza rinunciare a tracciare il rapporto sincero tra una madre e un figlio in un’età difficile e il delicato tema dell’adozione.

Tutto questo accade nel nuovo film di Salvatores che è riuscito nella difficile impresa di raccontare l’invisibile (metafora dell’adolescenza) che è dentro ognuno di noi.

Giornalista. Membro della Direzione e Responsabile della sezione Cinema e TV.Scrive anche per Cronachedigusto.it, FoodieDrivers.it, Geapress - Agenzia di Stampa. Vincitrice della Borsa di Studio Norman Zarcone, assegnata dall'Ordine Giornalisti Sicilia