Interstellar

0

Un film di Christopher Nolan. Con Matthew McConaughey, Anne Hathaway, Jessica Chastain, Michael Caine, John Lithgow, Matt Damon. Paese: USA, Gran Bretagana. Durata: 168’. Target:14+. Uscita: 07/11/2014.

In un mondo minacciato da una natura ostile, il futuro dell’umanità è riposto nel viaggio ai confini del tempo e dello spazio di un ex astronauta in cerca di una nuova casa per il genere umano.

Guadare in alto verso le stelle o ripiegarsi in noi stessi nella battaglia di ogni giorno? Seguire poi l’infinito o l’eternità?

Sono questi alcuni degli interrogativi che il nuovo film di Cristopher Nolan, sul filo dell’emotività, pone allo spettatore. Un film complesso e ambizioso che racconta verità senza tempo piene di silenzi e dove si incontrano e si scontrano due concetti molto diversi sul genere umano e sulla legge di Murphy secondo la quale tutto quello che può accadere, accadrà.
In gioco, come sempre, c’è la salvezza del mondo o il suo abbandono.

Tuttavia quello che colpisce di Interstellar non sono i rimandi a 2001 Odissea nello Spazio o a The Tree of The Life di Malick che ricorda per la regia impressionista che insegue la luce naturale e il singolo dettaglio o ancora per le immagini mozzafiato dello spazio. Quello che cattura lo spettatore è soprattutto la grande attenzione nei confronti della persona umana e del suo valore più profondo, il senso delle relazioni umane e degli affetti.

Quello tra Cooper, giovane padre ed ex ingegnere della Nasa (Matthew McConaughey) rimasto vedovo e i suoi figli o tra una scienziata (Anne Hathaway) che vive soltanto di un lavoro forse un po’ idealizzato. Non raccontiamo il difficile plot per non svelare troppo della trama e per la struttura complessa che si basa in larga parte sulla comprensione di leggi fisiche spesso incomprensibili per chi non ha familiarità con la materia trattata. Ci limitiamo a dire che il Pianeta Terra è diventato ormai invivibile a causa dei bruschi cambiamenti climatici, della crisi economica e della scarsità di prodotti commestibili. Intanto un evento inspiegabile permetterà a padre e figlia di scovare una stazione segreta della NASA dove alcuni scienziati stanno lavorando ad un piano di evacuazione verso una nuova galassia …

Un film tutto da scoprire, dunque, con una sceneggiatura forse troppo ambiziosa che manca di una autentica prospettiva che contempli il soprannaturale, ma indubbiamente bello perché pone l’uomo al centro di tutto. Perché racconta una storia che ci comprende tutti e perché rappresenta un lungo viaggio intorno all’universo sulla accettazione del fatto che spesso non abbiamo risposte sul nostro stare qui.

Giornalista. Membro della Direzione e Responsabile della sezione Cinema e TV.Scrive anche per Cronachedigusto.it, FoodieDrivers.it, Geapress - Agenzia di Stampa. Vincitrice della Borsa di Studio Norman Zarcone, assegnata dall'Ordine Giornalisti Sicilia