Jovanotti – Le tasche piene di sassi

0

Le tasche piene di sassi è il secondo estratto dell’album Ora. Il brano giunge dopo un mese dal successo radiofonico Tutto l’amore che ho, canzone che ha fatto guadagnare il disco di platino a Jovanotti con più di 100 mila copie vendute.

Stavolta Lorenzo crea una canzone morbida che si regge interamente sulle note dolci di un pianoforte che accompagna per tutto il tempo la sua voce. È una canzone intima, avvolgente, piena di sentimenti…

Sono solo stasera senza di te…

mi hai lasciato da solo davanti al cielo…

e non so leggere, vienimi a prendere…

mi riconosci ho le tasche piene di sassi…

Nel suo sito internet ufficiale il cantante in una via di mezzo tra dialogo con i fan e pagina di diario svela alcuni retroscena del video de Le tasche piene di sassi, dicendo che non si potrebbe definire un vero e proprio video: “C’è questa canzone e abbiamo fatto di tutto per allontanarci da lei con le immagini del video, perché ho sempre pensato che non c’è un video possibile per questa canzone e che se uno ama questa canzone dovrebbe farsi il suo video interiore, io non voglio dare indicazioni visive di nessun tipo” – e continua dicendo – “Allora dopo aver valutato tante strade abbiamo preso quella opposta a tutti i video che ci venivano in mente. Abbiamo preso l’atmosfera di una scena di un film che racconta la storia di un uomo che racconta storie e ci abbiamo messo sopra la canzone”.

Il film di cui parla Jovanotti è Lenny, una vecchia pellicola di Bob Fosse (attore, regista e sceneggiatore statunitense): il cantante interpreta Lenny Bruce (Dustin Hoffman), un comico americano. “Lenny era uno che faceva ridere la gente ma dentro di se aveva una malinconia, una difficoltà a stare al mondo, e infatti ha fatto in fretta a togliere il disturbo – continua Lorenzo nella sua dichiarazione – Ma non era quella la cosa interessante ai fini del nostro video. A me e al regista Maki Gherzi (nonché al producer Soraway) interessava l’idea di usare quella atmosfera intima di un luogo nel quale da sempre e per sempre qualcuno con una luce addosso racconta qualcosa a gente che resta nel buio ad ascoltarlo. Quello con la luce addosso si illumina perché si accenda una luce nel cuore di quelli che sono in penombra”.

E nel video vediamo proprio questo: Jovanotti su un palco, illuminato da un occhio di bue, veste i panni di un personaggio capace di trasmettere sentimenti ed emozioni ad un pubblico in penombra. A dare il tocco finale è la pellicola in bianco e nero.

L’intenzione di Jovanotti è quella di trasmettere emozioni, non solo le sue ma quelle di ogni persona che può ricevere ascoltando il racconto di una vita uguale a tante vite.

Conclude così Lorenzo Cherubini la sua auto-intervista: “Ora però promettetemi che ognuno si farà il proprio video interiore o vero e proprio che sia”.

[youtube width=”590″ link=”http://www.youtube.com/watch?v=Y4QepFkJQ-s”]

 

Che dire di me? =) Sono una ragazza sempre aperta ai nuovi orizzonti, mi interesso di tutto e anche se sembro riservata e timida in realtà non lo sono... Sono un fiume sempre in piena =D La mia più grande passione? L'informatica! Cià =)