La minaccia dell’Iran

0

Obama ha affermato che su questo pianeta, ormai sempre più piccolo, non dobbiamo più fare la guerra ma dobbiamo porre a noi stessi le domande giuste da un diverso punto di vista per garantire la pace. Nel suo discorso al Cairo ha affermato come per le religioni monoteiste valga la regola "beati gli operatori di pace perchè saranno chiamati figli di Dio".

Eppure il regime iraniano si ostina a rifugiarsi nella sua demagogia anti occidentale. Teheran, spegnendo con la forza le propteste del popolo e bacchettando la comunità internazionale, spera di ottenere il consenso della frangia estremista del terrorismo jiadista così da dar vita ad uno stato "franco" per le innumerevoli e rumunerative attività criminose e  criminali-terroristiche.

Purtroppo, a mio parere, la comunità internazionale e gli USA ,sebbene mossi da un reale senso di pace, non si accorgono che le loro azioni, filtrate dalla propaganda di regime vengo presentate come segno di debolezza e ciò mette in crisi la democrazia stessa della repubblica islamica e lo stato di diritto, dando vita ad un nuovo regime in una zona di per sè geo-politicamnete instabile. La pace deve essere costruita sulla base di un sentimento bilaterale e se la nosta mano viene rifiutata non possiamo permettere massacri di civili e sparatorie sulla folla come sta avvenendo in questi giorni.

Se l’occidente non interverrà in modo deciso, senza limitarsi alle sole restrizioni economiche, che indebolirebbero la resistenza al regime e darebbero sfogo alla criminalità e all’ anti-occidentalismo, rischieremo una nuova era di terrore nucleare e di attentati terroristici sorretti da un regime dittatoriale. Fino a quando si pensava di trattare con uno stato bellicoso e riluttante alla pace si poteva trattare ma, con il terrorismo non si tratta, perchè si leggittimerebbe la sua posizione e la sua importanza.

Dobbiamo preservare la pace e la democrazia per il bene delle generazioni future e soprattutto salvare i civili che oggi sono in pericolo. Cosa ne pensate voi dell’oppressione da parte del regime iraniano?

 

Cogitoetvolo