La vita in un BlackBerry o in un iPhone

0

“Spegnete computer e cellulari, andate a scoprire il mondo tra la gente!” Sono queste le parole dell’amministratore delegato di Google, Eric Schmidt che ha parlato ai laureati dell’Università della Pennsylvania.

“Il nostro obiettivo è che voi siate attaccati il più possibile al computer, ma vi consiglio di guardare dov’è il bottone di spegnimento. Si può passare tutta la vita dentro un computer, ma la vita è tra le persone attorno a voi, e non in un BlackBerry o in un iPhone.”

Interessante quello che dice Schmidt, è lui stesso a dire che ci si può ingannare illudendosi che la nostra persona rispecchi il profilo di Facebook o di altri socialnetwork, instaurando un rapporto virtuale e quindi fittizio! Arriverà un giorno in cui sarà impossibile spegnere il computer?

L’amministratore delegato di Google risponde così: “Secondo me il cambiamento delle tecnologie in internet è stato così veloce che gran parte del sistema sociale non ha avuto la possibilità di reagire. Ad un certo punto, la società dirà: bene, forse non è una buona idea che qualsiasi cosa importante vi passi per la testa sia lì, a disposizione, visibile a tutti?”

Tutti noi abbiamo accesso all’informazione mondiale, e l’informazione è potere! Il computer è un eccezionale strumento per la persona, per far comunicare e crescere; ma se da mezzo, diventa un fine? erode e annichilisce la persona.

Noi siamo gente di un NOSTRO mondo o del mondo reale?
Dove riponiamo i nostri affetti, le nostre amicizie, il nostro amore? O meglio, dove li abbiamo e quanto li conosciamo e vediamo?!

Credo che una prima risposta l’abbiamo se, dopo aver letto questo articolo, spegniamo il computer e usciamo, o parliamo con chi abbiamo in casa! Fuori c’è un mondo da scoprire!

Proprio due giorni fa i miei genitori hanno fatto 30 anni di matrimonio, hanno dato alla luce sette figli; e…una vita più reale di questa? Spesa per gli altri, piena di amore! Lontano dai computer c’è vita, autenticità, relazione…!

Esistono famiglie così, e ne conosco…Famiglia Mulino Bianco? No, quella è finta.

 

Laureato in scienze della comunicazione e si occupa di comunicazione e relazione con i media in vari campi: scrive su Chiesa, giovani, cultura e società. E' formatore al centro Elis, di ragazzi delle scuole superiori. Ama molto stare con i giovani ed è molto appassionato del mondo degli adolescenti.