L’amico ritrovato

0

Due ragazzi sedicenni frequentano la stessa scuola esclusiva. Uno è figlio di un medico ebreo, l’altro è di ricca famiglia aristocratica. Tra loro nasce un’amicizia del cuore, un’intesa perfetta e magica. Un anno dopo, il loro legame è spezzato. Questo accade in Germania, nel 1933…

Questo piccolo libriccino ha il pregio di riuscire a mettere in scena gli anni dell’ascesa del nazismo senza concentrarsi direttamente sulle crudeltà che Hitler ha perpetrato nei confronti di milioni di innocenti, ma indagando l’animo di due ragazzi comuni cui la politica non interessava affatto.

“Noi avevamo già i nostri problemi – si può leggere in un passo del libro – e quello che ci pareva più urgente era imparare a fare il miglior uso possibile della vita, oltre, naturalmente, a cercare di scoprire quale scopo avesse, se l’aveva, e a chiederci quale potesse essere la condizione umana in questo cosmo spaventoso e incommensurabile. Questi sì che erano veri dilemmi, quesiti di valore eterno, assai più importanti per noi dell’esistenza di due personaggi ridicoli ed effimeri come Hitler e Mussolini.”

Il periodo storico fa dunque da cornice ad un amicizia che nasce da una semplice intesa, cresce con la condivisione di grandi ideali e prospettive per il futuro, ed infine è bruscamente interrotta dalla necessità di Hans, il giovane protagonista ebreo – che serbava un fiero orgoglio tedesco – di fuggire dalla sua Germania che non lo voleva più e l’avrebbe perseguitato. Per di più il dolore della partenza è aggravato dal fatto che il suo migliore amico, rampollo di una famiglia aristocratica legata al potere nazista, di cui non aveva però mai condiviso le posizioni razziste, gli confida di essere giunto a credere nel progetto dell’uomo che era la causa della sua persecuzione.

Il finale, poi, è agghiacciante e inaspettato.

L’amico ritrovato è una novella senza troppe pretese, dalla trama semplice, che però sa parlare ad un pubblico di ragazzi ed ha il coraggio di porli di fronte alle domande di sempre e di dar loro, e al loro “bisogno appassionato di una devozione totale e disinteressata”, una fiducia che spesso gli viene negata.

 

 

SCHEDA DEL LIBRO
Titolo: L’amico ritrovato
Autore: Fred Uhlman
Genere: Classici
Editore: Feltrinelli
Età minima consigliata: 13 anni
Pagine: 92

Un universitario alla scoperta di sè e del mondo. Ama stare in mezzo alla gente. Il suo sogno? Diventare uno scrittore.