Libero dalla paura del futuro!

0

Si può dire che chi compie un’azione è libero, quando ha la possibilità di scelta e l’azione stessa è intelligente, spontanea, contingente.

La libertà è  anche la facoltà dell’uomo di agire e di pensare in piena autonomia, è la condizione di chi può agire secondo le proprie scelte, in certi casi grazie ad un potere specifico riconosciutogli dalla legge.

Kant nella Critica della ragion pratica, definisce la libertà una delle domande della metafisica a cui l’uomo non può rispondere. L’uomo quindi per Kant non può dimostrare la sua libertà conla ragione.

Ritengo sianecessario per la morale che l’uomo sia libero, abbia il libero arbitrio.

Fabrizio Moro (autore della famosa canzone PENSA) definisce la libertà nella sua canzone  Libero” (tra l’altro la sigla della fiction “Liceali”), contenuto nell’album “Domani”, uscito lo scorso anno in occasione di Sanremo con “Eppure mi hai cambiato la vita”.

Ed è subito stato il tormentone estivo! In questo testo traspare molto bene il concetto di libertà che hanno i liceali oggi, ma accompagnato anche da tanti dubbi. Inoltre c’è un po’ una scia di uno spirito di libertinaggio, in cui il giovane si sente di voler evadere dalla realtà, dagli errori commessi e da tanti perché irrisolti! La realtà turba il liceale medio e? lo porta a farsi domande, e a chiedersi se alcune esperienze della sua vita le hanno vissute anche i suoi genitori!

Ma siamo liberi anche di ricominciare se sbagliamo!

E…il nostro di futuro?Noi cogitanti, come vediamo il nostro futuro? E che idea abbiamo di libertà?

Ora ce la ascoltiamo, con il relativo testo, a voi il giudizio!

 

[youtube width=”590″ link=”http://www.youtube.com/watch?v=5bfKsjsng8c”]  

Mi domando perché quando vivi aspettando
Un giorno passa lentamente come fosse un anno
Mi domando perché non sono nato nel 50
Avrei saputo cosa fare io negli anni 70
Mi domando se sei mia oppure fai finta
E se alla fine dei fatti essere onesti conta
Mi domando se la storia è stata scritta dagli eroi
O da qualcuno che pensava ai cazzi suoi
Mi domando perché mi fa schifo la mia faccia
A volte si e a volte no
Perché a volte voglio avere solo quello che non ho
Mi domando soltanto perché
Gesù Cristo è morto in croce per me

Voglio sentirmi libero da questa onda
Libero dalla convinzione che la terra è tonda
Libero libero davvero non per fare il duro
Libero libero dalla paura del futuro
Libero perché ognuno è libero di andare
Libero da una storia che è finita male
E da uomo libero ricominciare
Perché la libertà è sacra come il pane
E’ sacra come il pane
Mi domando perché pensare troppo mi turba
E se una volta almeno mio padre ha fumato l’erba
Mi domando se avrò un figlio
E se mio figlio mi odierà
Perché purtroppo si odia
Chi troppo amore ci da
Mi domando se la mia è una vita felice
E so rispondere solo che mi piace

Voglio sentirmi libero da questa onda
Libero dalla convinzione che la terra è tonda
Libero libero davvero non per fare il duro
Libero libero dalla paura del futuro
Libero perché ognuno è libero di andare
Libero da una storia che è finita male
E da uomo libero ricominciare
Perché la libertà è sacra come il pane
E’ sacra come il pane

Libero perché ognuno è libero di andare
Libero da una storia che è finita male
E da uomo libero ricominciare
Perché la libertà è sacra come il pane
E’ sacra come il pane

 

Laureato in scienze della comunicazione e si occupa di comunicazione e relazione con i media in vari campi: scrive su Chiesa, giovani, cultura e società. E' formatore al centro Elis, di ragazzi delle scuole superiori. Ama molto stare con i giovani ed è molto appassionato del mondo degli adolescenti.