L’incredibile sfida di Dick e Rick Hoyt

0

Navigando su internet si incontrano tante storie di ogni genere, ma raramente si incontrano storie d’amore come quella di Rick Hoyt e suo padre Dick.

Rick alla nascita rimase soffocato dal cordone ombelicale e questo gli provocò un danno celebrare permanente, rendendogli impossibile il controllo degli arti. I dottori assicurarono a Dick e alla moglie Judy che il figlio sarebbe rimasto un vegetale per tutta la vita ma loro non abbandonarono mai le speranze e lottarono per scoprire se ci fosse qualcosa che poteva permettergli di comunicare. I ricercatori si dimostrarono piuttosto scettici ma quando, su consiglio del padre raccontarono a Rick una barzelletta, lui cominciò a ridere: era evidente quindi che riusciva perfettamente a recepire il mondo intorno a lui. Così, grazie all’aiuto della tecnologia Rick fu in grado di comunicare.

Un giorno anche un suo compagno di classe rimase paralizzato e la scuola organizzò una corsa come raccolta fondi. Rick era intenzionato a partecipare e aiutato da suo padre realizzò il proprio desiderio. Quello fu un evento fondamentale per la famiglia Hoyt: “Papà, quando correvamo, non mi sentivo più disabile!” Da quel momento Dick volle in tutti i modi che il figlio potesse riprovare quella sensazione quante più volte possibile, si mise in forma e cominciò a correre “insieme” al figlio. All’inizio incontrarono qualche difficoltà ma poi iniziarono la lunga serie di sfide, tra cui il triathlon (4 km nuoto, 180 km in bicicletta e 42 km corsa)! Sono riusciti a collezionare 212 gare di triathlon, inclusi 4 massacranti Ironman da 15 ore alle Hawaii.

Si era già parlato con Oscar Pistorius di come si potessero superare le barriere della disabilità per raggiungere la normalità, almeno per qualche momento, come quello delle competizioni sportive. Qui Dick ha realizzato il sogno del figlio Rick, quello di farlo sentire normale (“Papà, quando correvamo, non mi sentivo più disabile!”), mettendo a dura prova anche se stesso con delle massacranti sfide, tanto che in una di queste è stato anche colto da un attacco di cuore. Un esempio di amore senza confini?

Cogitoetvolo