L’ultima gara. Ciao Marco

0

Il casco che rotola sull’erba. Uno, due, tre, quattro volte. Il corpo riverso sull’asfalto, privo di vita. Queste sono le immagini della tragica morte di Marco Simoncelli, 24 anni, pilota di MotoGp del team Honda.

Marco si trovava al secondo giro del circuito di Sepang seguito da due piloti, Colin Edwards e Valentino Rossi. L’elettronica, le gomme o semplicemente l’errore del pilota. Simoncelli perde aderenza, scivola e insieme alla sua moto finisce all’interno della curva. I piloti che seguono non possono evitarlo, l’urto è sconvolgente. Trasferito sull’elicottero Marco è già privo di vita: arresto cardio-circolatorio dicono i medici, con evidenti segni dell’impatto delle ruote sul collo. I familiari hanno subito disposto la donazione degli organi che, purtroppo, non è stata resa possibile a causa dell’arresto cardiaco. A testimonianza della generosità della famiglia, generosità che si incarnava nello spirito combattivo di questo straordinario pilota che non si tirava mai indietro e che spingeva al massimo la moto pur di onorare la gara e i suoi sostenitori.

Qualche mese fa anche Shoya Tomizawa durante una gara ha perso la vita, anche lui in seguito ad una scivolata è stato travolto dai suoi colleghi, anche in quel caso non è stato possibile evitare lo scontro. È il caso di chiedersi se le misure di sicurezza siano veramente adeguate e se realmente possano salvare la vita ai piloti. Ma questo è pleonastico. Gli accorgimenti per evitare queste tragedie sono moltissimi e risultano superflui quando la Morte bussa alla porta degli uomini, aiutata dalla sfortuna. La MotoGp non perde semplicemente un pilota. Perde una persona che rimane nella memoria di tutti come un ragazzo allegro e sempre sorridente. Innamorato delle moto e di questo sport, che nella sua infinita spettacolarità si è portato via la sua vita.

Tutto il mondo dello sport osserverà un minuto di silenzio per stringersi al dolore della famiglia, del mondo delle moto e di tutti coloro che hanno visto in Marco Simoncelli un vero sportivo.

Cogitoetvolo