Nelle terre estreme

0

Dopo aver tanto criticato sul nostro forum il film, mi sono sentito quasi in dovere di leggere il libro di Krakauer, da cui è stato realizzato il film di Sean Penn “Into the Wild”.

Tratto dalla vera storia di Chris “Alexander Supertramp” McCandness, il libro si configura come approfondimento di un articolo di Krakauer apparso su una rivista, che viene arricchito di particolari sugli ultimi due anni di vita di Chris, ottenuti anche grazie all’aiuto che l’autore del libro ottenne dalla famiglia di Chris.

Per chi non la conoscesse, la trama parla di questo ragazzo che, stufo di dover accettare i convenzionalismi della società, decide di scappare di casa appena finita l’università e di iniziare un viaggio attraverso gli States con solo quello che porta addosso. Dopo essere giunto fino in Messico in canoa, Chris ritorna verso Nord e decide di scegliere come destinazione finale l’Alaska, che sarà per lui finale in senso letterale, visto che morirà nel suo accampamento.

Il libro, scritto appunto con dovizia di particolari e con uno stile forse un po’ troppo ampolloso e raffinato, ha la sua nota migliore nella descrizione dei paesaggi e delle ambientazioni, ma esagera, a mio parere, nella psicanalisi dei personaggi, in particolare del protagonista, il che, se da un lato è ovvio in un libro che assume il carattere di una inchiesta, dall’altro porta ad un tale livello di analisi che alla fine Chris ne esce quasi disintegrato in mille aspetti del suo carattere.

La linea del libro è molto interessante, non essendo per niente cronologica, e abbastanza caotica, ma ciò che è più interessante è che l’autore mescola alle esperienze del protagonista le proprie, facendo continui parallelismi tra le due figure e ammettendo alla fine che è arrivato a trent’anni solo perché è stato più fortunato di Chris.

 

 

 

SCHEDA DEL LIBRO
Titolo: Nelle terre estreme
Autore: Jon Krakauer
Genere: Avventura
Editore: Corbaccio
Età minima consigliata: 16 anni
Pagine: 267
Cogitoetvolo