Nord & Sud

0

Una miniserie televisiva di Brian Percival. Con Daniela Denby-Ashe, Tim Pigott-Smith, Lesley Manville, Sinéad Cusack, Jo Joyner, Brendan Coyle, Anna Maxwell Martin, Brian Protheroe. Produzione: BBC. Paese: Regno Unito. Uscita in UK: 14/11/2004. Uscita in Italia: 24/11/2013. Target: 12+.

Quante storie d’amore sono nate solo dopo aver superato conflitti e pregiudizi? Senza l’inevitabile superamento degli ostacoli non può nascere una grande storia d’amore. A questa regola non fa eccezione il sentimento che sboccia tra i due protagonisti di Nord e Sud, celebre romanzo di Elizabeth Gaskell da cui la BBC ha tratto nel 2004 una fortunata miniserie televisiva in quattro episodi, trasmessa in Italia nel 2013 su LaEffe.

La seconda rivoluzione industriale dell’Inghilterra vittoriana fa da sfondo a una grande storia d’amore. Il Nord e il Sud del Paese sono divisi da pregiudizi che dettano i rapporti sociali tra gli abitanti delle due parti dell’isola.Chi vive al Nord è immerso nel pieno spirito dell’industrializzazione: città grigie e fumose, dove gli uomini sono apprezzati per la propria operosità e intraprendenza, qualità spese al servizio del padrone di una fabbrica.Chi vive al Sud si adagia al ritmo della Natura e delle stagioni, vivendo del proprio lavoro nei campi al servizio dell’agricoltura e dell’allevamento del bestiame.

La Gaskell in questo modo mette a confronto due realtà opposte e distinte, sebbene intimamente intrecciate tra loro: le città industrializzate, simbolo del progresso, e le quieti città di campagna, simbolo della tradizione agricola su cui fondano le radici del Paese.  Brian Percival, regista della miniserie Nord e Sud della BBC e di Downtown Abbey, ha saputo rendere giustizia al magnifico capolavoro della scrittrice inglese, alternando i moti del cuore dei due protagonisti, a tematiche più impegnative come la lotta per i diritti dei lavoratori portata avanti dai sindacati, tema di grande attualità durante la rivoluzione industriale.

Margaret Hale è la protagonista femminile. La giovane donna è nativa di Helstone, un paesino del Sud dell’Inghilterra. È qui che ha trascorso l’infanzia, per poi essere educata come una gentildonna a Londra presso la famiglia agiata di una cugina. Il padre di Margaret è un pastore anglicano, che in seguito a una crisi spirituale decide di abbandonare la Chiesa e di trasferirsi a Milton, una città industriale nel Nord del Paese, famosa per le sue fabbriche di cotone. La ragazza segue la famiglia e decide di restare vicino la madre e il padre, che vivono difficoltà economiche e subiscono il grande disagio di essere sradicati dalle loro tranquille vite e abitudini di campagna.

Margaret incarna nella sua persona il Sud dell’Inghilterra: è forte e fiera, orgogliosa e decisa, ma anche dolce e di buon cuore con i propri cari e con chi reputa degno della sua fiducia. È a Milton che fa amicizia con una giovane operaia, Bessy Higgins, che diverrà la sua migliore confidente e amica. Grazie a quest’ultima Margaret, sebbene appartenga alla borghesia medio-alta, si inizia a interessare dei problemi della classe operaia ed è affascinata da come gli uomini e le donne di Milton lottino per i propri diritti di lavoratori. È in questo contesto che la Gaskell, descrive realisticamente le cattive condizioni in cui gli operai dell’epoca, uomini, donne e persino bambini, erano costretti a lavorare nelle fabbriche pur di guadagnare quel tanto per sopravvivere. Da questo punto di vista la scrittrice ricorda Charles Dickens. Non per niente è proprio sulla sua rivista Household Words, che pubblicherà questo romanzo a puntate tra il 1854 e il 1855.

Nella fiction della BBC sono ben ricostruite le ambientazioni delle fabbriche di cotone, dove gli operai lavorano immersi in una coltre di cotone grezzo da filare. Margaret è avversa alle cattive condizioni di vita e lavorative degli operai, tanto da affermare: “Credo di avere visto l’Inferno ed è bianco. È bianco come la neve”. Proprio in una fabbrica di cotone, Margaret incontra per la prima volta John Thornton, un importante industriale della città, proprietario di una delle fabbriche di cotone di Milton.   La giovane inizialmente è schiva nei confronti di quest’ultimo, in quanto lo reputa duro e freddo verso i propri operai, e disinteressato al loro benessere. John è un uomo orgoglioso e fiero, in apparenza freddo e rigido.

Ma l’industriale è anche molto intelligente, un grande lavoratore e ha a cuore le sorti dei propri dipendenti più di tutti gli altri imprenditori della città. John ha perso il padre in tenera età e ha iniziato a lavorare molto presto per aiutare economicamente la famiglia, costituita da una sorella vanitosa e pigra, e da una madre forte e determinata, a cui John è molto legato e che ammira profondamente. L’imprenditore pur avendo avuto una formazione tecnica, sente il bisogno di un’educazione classica per raffinare il proprio intelletto e decide di studiare i classici latini insieme a Mr. Hale, di cui diventa ben presto un grande amico.

Nel corso della storia, Margaret e John, imparano a conoscersi vicendevolmente, a superare i pregiudizi nei confronti dell’altro, e ad apprezzare le doti della gente del Sud e viceversa della gente del Nord. John scopre di amare Margaret quando quest’ultima gli salva la vita da una folla inferocita di operai. È dopo questo episodio che il giovane industriale le dichiara di non avere amato mai nessun’altra donna e che è stata proprio lei a risvegliare in lui simili sentimenti. Margaret appare contrariata dall’amore che John prova per lei, perché è un uomo che non ammira, ma quasi disprezza per il suo orgoglio e per la sua freddezza. È per questo, che lo respinge. Sarà solo col tempo che imparerà a conoscerlo più a fondo ad apprezzarne le virtù nascoste sotto il cipiglio rigido e arrogante.

Questa è una romantica storia d’amore, che cresce e si scopre pian piano. È il dolceamaro confronto fra il Nord e il Sud dell’Inghilterra, che sfocia nel superamento dei pregiudizi e nella scoperta delle qualità nascoste dell’altro. È il confronto-scontro tra padrone e operaio, che comprendono che solo dal dialogo e dal rispetto reciproco possono trovare un punto d’incontro.

 

 

Ho origini pugliesi, ma sono nata e cresciuta in Olanda. Mi sono laureata in Scienze della Mediazione Linguistica a Milano e conosco 6 lingue. Ho seguito un Master in Media Relations diventando addetto stampa. Sto completando la mia formazione studiando Marketing a Londra. Sono un’amante dell’arte e della scrittura, una sognatrice appassionata che guarda verso orizzonti lontani…