Nucleare in Italia: pro o contro?

0

Negli anni settanta cominciò a diventare concreta quella possibilità di utilizzare le centrali nucleari per produrre grosse quantità di energia; così nacquero le centrali nucleari a fissione, a causa della continua richiesta di energia. Con il referendum dell’8 novembre del 1987, un anno dopo l’incidente devastante di Cernobyl, l’Italia, confusa e impaurita, chiuse le porte al nucleare e distrusse quelle poche centrali che erano state costruite precedentemente in Italia spendendo un’ingente quantità di denaro.

Ma ora, più di allora, l’Italia ha bisogno di energia autonoma e di non dipendere più dai paesi del Medio Oriente, caratterizzati da una forte instabilità politica. Perché non aprire le porte al nucleare? Se il problema fosse la pericolosità, che dire delle centrali nucleari situate a meno di 70 km in linea d’aria dal confine italiano (per esempio in Francia)?

Ecco, andiamo un po’ più in profondità ed analizziamo attentamente i vantaggi e gli svantaggi.

SVANTAGGI

Conseguenze in caso di incidente
La storia ha già mostrato la gravità delle conseguenze degli incidenti alle centrali nucleari. Le radiazioni a cui la popolazione viene esposta causano un maggiore rischio di morte per leucemia e tumore. Dall’incidente di Chernobyl la sicurezza delle centrali nucleari è diventato uno dei principali aspetti critici dell’energia nucleare per uso civile. Negli ultimi anni il progresso tecnologico ha notevolmente migliorato la sicurezza delle centrali nucleari dotate di reattori di ultima generazione.

Le scorie nucleari
Purtroppo le scorie nucleari sono un altro aspetto critico del nucleare. Non possono essere distrutte e l’unica soluzione, per il momento, sembra essere lo stoccaggio per migliaia di anni in depositi geologici o ingegneristici. La ricerca di un deposito sicuro è tra i principali obiettivi della UE e degli Usa. Sono necessari anni di studi e grandi investimenti per l’individuazione delle soluzioni di stoccaggio per centinaia di migliaia di anni.

Localizzazione centrali nucleari e proteste locali
Anche il processo di localizzazione di una centrale nucleare o del deposito di scorie è molto difficoltoso. Nessuna comunità locale accetta di sacrificare il proprio territorio per ospitare i rifiuti nucleari. La Sardegna, la Puglia, la Basilicata sono i recenti casi italiani di forti proteste antinucleari (2003). Nello stesso anno una comunità locale cinese si oppose con successo alla decisione del governo di costruire un deposito geologico di scorie attuando una dura e prolungata protesta. In entrambi i casi vinsero le popolazioni locali.

La produzione di armi nucleari resta l’ultimo grande handicap
Non si può negare un legame tecnologico tra la produzione civile di energia nucleare e l’industria bellica. Nel 2004 gli USA e altri paesi occidentali fecero grande pressione sull’Iran per impedire la costruzione di una centrale nucleare civile proprio per il timore che questi impianti fossero utilizzati per scopi bellici.

VANTAGGI

Una centrale nucleare non emette CO2
Le centrali nucleari non producono anidride carbonica ed ossidi di azoto e di zolfo, principali cause del buco nell’ozono e dell’effetto serra.

Vantaggio nella bilancia dei pagamenti
La produzione di energia dal nucleare riduce l’importazione di petrolio e la dipendenza delle economie dal petrolio. La copertura del fabbisogno energetico interno tramite il nucleare riduce la possibilità degli shock esterni sull’economia e consente ai governi un minore carico di spesa sulla bilancia dei pagamenti con l’estero. Il tutto si traduce in una maggiore stabilità del sistema economico nazionale.

Maggiore stabilità politica
Le principali riserve petrolifere sono concentrate in pochi paesi ad elevata instabilità politica (Medio Oriente) che rischia di trasmettersi anche nei paesi fortemente dipendenti dall’importazione del petrolio. L’uso del nucleare riduce la dipendenza occidentale dal petrolio mediorientale.

Ora, le posizioni prese su questo delicato argomento sono varie e ognuna di esse giustificata. Tu da che parte stai?

 

Cogitoetvolo