Nuovi consigli del diavolo custode

0

Con lo stile graffiante e ironico che lo caratterizza sempre e comunque, Rino Cammilleri ci offre in questo suo libro un seguito sicuramente valido delle memorabili e consigliabili Lettere di Berlicche di C.S. Lewis.

Anche qui, l’espediente utilizzato è quello della lettera dall’Inferno. Questa volta la corrispondenza riguarda un’anima dannata e un uomo, mentre nel precedente di Lewis avevamo a che fare con due diavoletti, lo zio Berlicche e il nipote Malacoda.

Il libro è suddiviso in capitoli, compresi in un’unica lettera, che offrono “un nuovo piccolo trattato su vizi e virtù, tentazioni diaboliche e veniali peccati quotidiani”. Infatti l’autore affronta con spietatezza la mentalità di oggi, ridicolizzata dagli stessi diavoletti, che si trovano sfaccendati, visto il lavoro che l’uomo già da sé fa per allontanarsi dalla felicità vera (Dio) che dice di cercare.

Ciò che risulta lampante dalla lettura appassionata e divertente di questo libro è il fatto che andare all’Inferno sia tutt’altro che un’impresa: basta non fare niente, rifiutando per comodità l’abbraccio di Dio.

L’Inferno non è dunque vuoto, dal momento che è così facile andarci. E Cammilleri torna a ribadirlo proprio ora, in questi tempi in cui l’Inferno e il Diavolo tentatore provocano l’ilarità generale, mentre vanno di moda i riti orientali con talismani, unguenti e pietre magiche. Questo saggio, che segue il precedente “Consigli del diavolo custode per andare all’inferno senza strafare”, è sicuramente un piccola pietra preziosa da inserire nella propria biblioteca, che ci si creda o no.

 

 

SCHEDA DEL LIBRO
Titolo: Nuovi consigli del diavolo custode
Autore: Rino Cammilleri
Genere: Saggio
Editore: Piemme
Età minima consigliata: 13 anni
Pagine: 185
Cogitoetvolo