Tempo di Libri 2018: i temi e gli eventi della fiera dell’editoria di Milano

0

L’8 marzo si apre la fiera dell’editoria di Milano con un fitto programma di eventi

Tempo di Libri è la fiera dell’editoria che si svolgerà a Milano, a Fieramilanocity, dall’8 al 12 marzo. Cinque giornate caratterizzate da temi specifici, affrontati attraverso un ricco programma di eventi a cui parteciperanno circa 900 autori e rappresentanti del mondo editoriale. L’edizione di quest’anno si apre con una festa che comincerà nel pomeriggio del 7 marzo e che consisterà in un grande tributo alla letteratura. Dopo un omaggio ad Umberto Eco, i protagonisti della serata saranno gli studenti universitari, che si alterneranno nell’interpretazione degli incipit dei romanzi più famosi. Questo tributo letterario continuerà per tutta la durata della manifestazione: ad accogliere gli ospiti ci sarà infatti una colonna sonora, i cui brani sono stati opportunamente scelti tra canzoni ispirate da romanzi, saggi, poemetti e colonne sonore di film memorabili. Il legame tra musica e letteratura è molto stretto, come è stato dimostrato nel 2016, quando il comitato di Stoccolma ha assegnato a Bob Dylan il premio Nobel per la letteratura. Ma veniamo quindi ai temi che verranno affrontati durante la manifestazione.

Giovedì 8 marzo: le donne. In occasione della loro festa, la fiera ha deciso di dedicare la sua prima giornata di eventi alla figura femminile. Un momento dedicato non soltanto alle scrittrici ma in generale a tutte le tematiche che riguardano la donna nella nostra società. Si parlerà di violenza di genere, in presenza delle istituzioni, e per l’occasione verranno presentate le linee guida del protocollo condiviso dalle amministrazioni comunali, che assicurino il rispetto della parità di genere nella società. Si celebreranno le grandi artiste della storia, guidati da Eva Cantarella in un viaggio tra i secoli, nonché le poetesse italiane, tramite la lettura di brani di Alda Merini, Antonia Pozzi e Mariangela Gualtieri. Uno spazio  speciale sarà dedicato alla presentazione di un progetto contro gli stereotipi di genere nel mondo della scienza e della tecnologia: a presentarlo alcune delle 100 esperte che partecipano al progetto, nell’ambito di Science, Technology, Engineering and Mathematics (STEM), un settore storicamente poco rappresentato dalle donne e al contempo strategico per lo sviluppo economico e sociale del nostro Paese.

Venerdì 9 marzo: la ribellione. A cinquant’anni dai moti studenteschi del ’68, alla fiera si porta l’attenzione al tema delle rivoluzioni politiche e sociali. Oltre ai momenti dedicati alla storia italiana, si parlerà di mafia e insieme a Nicolai Lilin, autore de L’educazione siberiana, della lingua segreta dei tatuaggi, in quanto linguaggi in codice degli ambienti criminali. Uno sguardo sarà rivolto anche alle ribellioni in generale: contro le convenzioni, le abitudini, le burocrazie.

Sabato 10 marzo: Milano. La terza giornata è un omaggio alla città di Milano, alle narrazioni in prosa e in versi ispirate a questa grande città. Sarà di scena la Milano attuale come quella storica, vista attraverso gli occhi di letterati ormai consegnati alla tradizione della letteratura mondiale, come Stendhal o Hemingway ma anche Dino Buzzati e Dario Fo. Tanti gli eventi paralleli dedicati al mondo della cucina e alla scienza: in questa giornata interverrà anche il medico Roberto Burioni, che spiegherà perché la scienza non può essere democratica.

Domenica 11 marzo: libri e immagini. I protagonisti della quarta giornata saranno i linguaggi artistici: dal libro d’arte alla graphic novel, si affronterà il tema del rapporto testo e immagine in tutte le sue sfumature, con libri fotografici, d’artista, di cinema o illustrati, presentati da ospiti come Oliviero Toscani e Philippe Daverio.

Lunedì 12 marzo: il mondo digitale. La manifestazione si chiude con uno sguardo al futuro, affrontando le tematiche della rivoluzione tecnologica, in particolare in relazione al contributo che il mondo virtuale può dare rispetto alla diffusione delle emozioni che le narrazioni riescono a comunicare. Tra e-book, bitcoin e social network, la discussione si sposta sui cambiamenti che il mondo virtuale sta apportando alla nostra società.

La scorsa edizione aveva lasciato molti con l’amaro in bocca, non riscuotendo il successo previsto. Ma quest’anno Tempo di Libri torna con un’onda di entusiasmo che non lascia indifferenti: se amate l’universo letterario, non perdetevi quest’occasione per celebrarlo.

Federica La Terza

Ogni riccio è un capriccio, un'idea e una curiosità. Il bisogno di andare oltre la superficie, oltre ciò che appare, mi ha spinto a coltivare a livello accademico il mio interesse per la scienza. Di fronte a tutto ciò che passa sotto la lente di ingrandimento della mia curiosità, cerco sempre di ricordarmi che per trovare risposte bisogna fare le giuste domande.