The Conspirator

0

Un film di Robert Redford. Con James McAvoy, Robin Wright Penn, Kevin Kline, Evan Rachel Wood, Justin Long. Drammatico, durata 122 min. – USA 2010. – 01 Distribution uscita mercoledì 22 giugno 2011

Sulla scia dell’assassinio di Abraham Lincoln, sette uomini e una donna sono stati arrestati con l’accusa di far parte di un gruppo di cospiratori che hanno organizzato l’assassinio del Presidente, del Vice-Presidente e del Segretario di Stato. L’avvocato di recente conio, Frederick Aiken, un giovane di 28 anni ed eroe di guerra, dapprima riluttante, accetta di difendere davanti a un tribunale militare Mary Surratt, la donna di 42 anni accusata dell’assassinio. Aiken realizza che la sua cliente potrebbe essere innocente e che viene usata come esca e ostaggio, al fine di catturare l’unico cospiratore che è sfuggito ad una massiccia caccia all’uomo…

Il nuovo film di Robert Redford, regista che ha sempre lanciato messaggi politicamente corretti ed ecologicamente appassionati, è un saggio civile di cinema vecchio stile, prodotto con un piccolo budget per gli standard del cinema americano, che ha diviso il pubblico e la critica.

The Conspirator racconta un momento poco noto della storia americana: gli eventi successivi all’assassinio del presidente Lincoln – sedicesimo presidente degli Stati Uniti d’America e convinto antischiavista – e il processo che seguì alla sua morte per mano di John Wilkes Booth, simpatizzante dei confederati, il quale – secondo la tesi proposta da Redford – non agì da solo come si è a lungo creduto. Si trattò di un vero complotto che coinvolse sette uomini e una donna, arrestati e condannati a morte da un tribunale militare e non civile. La donna si chiamava Mary Surrat, era la proprietaria della pensione dove si incontravano i cospiratori e madre di uno di essi. Mary Surrat, interpretata dalla magnifica Robin Wright, continuò fino alla fine a proclamarsi innocente. La donna ebbe difficoltà anche a farsi difendere dal suo avvocato d’ufficio, Frederick Aiken, – interpretato dal bravo attore scozzese James Mc Avoy – che ebbe molti dubbi di coscienza nell’accettare l’incarico.

The Conspirator racconta la storia di Mary Surrat attraverso un grande lavoro di ricerca e studio che sta alla base del film. Redford infatti nella ricostruzione dei fatti si è affidato ai dipartimenti di storia americana di varie università. Ha poi dato tutto il materiale ai suoi attori, che hanno dovuto studiare tutti i testi raccolti. Una storia molto lontana da noi, ma che racconta una verità molto attuale. “Ci sono dei parallelismi – afferma Redford – tra quel tribunale militare e quelli dei detenuti di Guantanamo. La storia e gli avvenimenti di oggi hanno un modo interessante di mettere in luce le somiglianze tra le due situazioni. Sarà il pubblico a decidere”.

Ma il tema del film non sono soltanto i diritti civili non rispettati. The Conspirator narra anche del rapporto umano – serio e disinteressato – che si viene a creare fra l’avvocato reduce di guerra, sostenitore dell’Unione e di Lincoln e la signora Surrat, dichiaratamente sudista, condannata per una accusa mai dimostrata. Una donna che condanna se stessa per proteggere il figlio. Sullo sfondo della Washington del dopo guerra civile, tra i fumi e la penombra del tribunale militare, assistiamo anche noi impotenti ad un finale già scritto. Così volle il ministro della Guerra, interpretato da Kevin Kline, sinceramente convinto che: La sopravvivenza di una nazione è più importante della vita di una donna. Questo avvenimento – continua Redford come molti della storia americana, dimostrano come un individuo possa essere vittima del cosiddetto interesse superiore”.

Per fortuna però i veri ideali di giustizia e la ricerca più alta della legge morale sopravvivono nei secoli e sono destinate a camminare su altre gambe.

 

[youtube width=”590″ link=”http://www.youtube.com/watch?v=mtrlUDGaeQk”]

Giornalista. Membro della Direzione e Responsabile della sezione Cinema e TV.Scrive anche per Cronachedigusto.it, FoodieDrivers.it, Geapress - Agenzia di Stampa. Vincitrice della Borsa di Studio Norman Zarcone, assegnata dall'Ordine Giornalisti Sicilia