Un uomo libero

0

Ero giovane e mi sentivo forte. Quella mattina di primavera uscii di casa e gridai: “Io sono a disposizione di chi mi vuole. Chi mi prende?”.

Mi lanciai sulla strada selciata. Sul suo cocchio, con la spada in mano e seguito da mille guerrieri, passava il Re. “Ti prendo io al mio servizio”, disse fermando il corteo. “E in compenso ti metterò a parte della mia potenza”. Ma io della sua potenza non sapevo che farmene. E lo lasciai andare.
“Io sono a disposizione di tutti. Chi mi vuole?”.

Nel pomeriggio assolato, un vecchio pensieroso mi fermò, e disse: “Ti assumo io, per i miei affari. E ti compenserò a suon di rupie sonanti”. E cominciò a snocciolarmi le sue monete d’oro. Ma io dei suoi quattrini non sapevo che farmene. E mi voltai dall’altra parte.

La sera arrivai nei pressi di un casolare. Si affacciò una graziosa fanciulla e mi disse: “Ti prendo io e ti compenserò col mio sorriso”. Io rimasi perplesso. Quanto dura un sorriso? Frattanto quello si spense e la fanciulla dileguò nell’ombra. Passai la notte disteso sull’erba, e la mattina ero madido di rugiada.
“Io sono a disposizione… Chi mi vuole?”.

Il sole scintillava già sulla sabbia, quando scorsi un bambino che, seduto sulla spiaggia, giocava con tre conchiglie. Al vedermi alzò la testa e sorrise, come se mi riconoscesse. “Ti prendo io”, disse, “e in cambio non ti darò niente”. Accettai il contratto e cominciai a giocare con lui. Alla gente che passava e chiedeva di me, rispondevo: “Non posso, sono impegnato”.
E da quel giorno mi sentii un uomo libero.

 

Racconto segnalato da Saverio Sgroi

 

Cogitoetvolo