Una convention molto “speciale”

0

Roma, 10 aprile 2011. Sono quasi le 11,00 quando arriva Eleonora. E’ la prima, e viene da Modena. Poco dopo è la volta di Giacomo e Saverio, che arrivano con Alessandro. E poi, via via, tutti gli altri, da Napoli, Roma, Catania, Brescia e Palermo.

E’ una giornata storica per Cogitoetvolo: è la prima convention nazionale tra un gruppo di ragazzi che da alcuni anni credono in una coraggiosa pazzia. Ed è anche una giornata particolare: tanti nomi e nickname che diventano finalmente volti. Persone, in carne ed ossa che si incontrano per lavorare assieme, per un giorno intero, per sognare che cosa fare per lanciare Cogitoetvolo sempre più in alto.

Una allegra compagnia fatta di volti veri. Tutto assolutamente e stupendamente reale. Niente emoticons, solo sorrisi, sguardi e volti espressivi.
Parliamo del nuovo sito, di come entrare nelle scuole, di come arrivare a far “cogitare” migliaia di ragazzi italiani. Si parla della nascente Associazione culturale Cogitoetvolo, che ci permetterà di volare ancora più su.

Una giornata stupenda, fatta di lavoro tra persone che sembra si conoscano da anni. Quasi una famiglia, perchè Cogitoetvolo un po’ lo è. E domenica ne abbiamo avuto conferma, complice un pranzo a base di pizza romana e tiramisù concluso con una allegra schitarrata.

Qualcuno ha detto che cogitare così è tutta un’altra cosa. E già, ne è valsa davvero la pena; poche ore di allegra compagnia dopo ore di viaggio che per alcuni sono state passate in aereo, per altri in pulman, per altri ancora in auto o in treno.

Davvero una simpatica giornata. Da rifare, il prossimo anno, per obiettivi ancora più audaci!

Grazie a tutti i partecipanti: Gemma, Eleonora, Martina, Elisa, Rossella, Alessandro, Lorenzo, Mimmo, Guido, Giacomo e Saverio. E un ringraziamento particolare a chi non è potuto essere presente ma, dietro le quinte, ha lavorato perchè la giornata potesse riuscire al meglio: Alessandra e Elina.

Cogitoetvolo