Una fase speciale della vita

0

Chi ha detto che l’adolescenza sia l’età più bella?
Parlare di adolescenza non è facile. Se apriamo il dizionario della lingua italiana troveremo questa definizione: “Età della vita tra la fanciullezza e l’età adulta”.
Parole semplici da comprendere, ma la vita reale di ogni adolescente è molto complicata.

E’ il periodo in cui nascono i primi amori, che sembrano non conoscere mai la “fine”. Amori, che riempiono di gioia, di felicità.
Si vede tutto con altri occhi, quelli da innamorati. Si sentono le farfalle allo stomaco, tutto prende un’altra forma. E’ pure l’età in cui il ragazzo che ti piace da morire, non ti considera, ti vede solo come un’amica e tu pur di averlo accetti anche di essere per lui una semplice amica.

Prima, si giocava con le bambole, a mamma e figlia, si guardava il mondo con occhi da bambini. Ci piaceva essere sostenuti dalle forti braccia di papà che ci teneva stretti a lui e pensare che lui sarebbe stato il nostro principe azzurro, che ci avrebbe difeso da tutto e da tutti.

Invece nell’adolescenza tutto cambia. Si inizia ad uscire, a formare le prime comitive dove le ore passano velocemente; gli amici diventano la seconda famiglia. E la “prima”famiglia entra in gioco, comincia ad ostacolare le nostre uscite, a rimproverarci di non trascorrere più del tempo in casa, di non studiare più, di non essere più come prima.

Certo che non siamo più quelli di prima! Stiamo crescendo.
Cominciano gli alti e bassi, ci si ritrova davanti a decisioni più grandi di noi, dove l’unico desiderio è quello di tornare tra le braccia di nostro padre e far scegliere lui per noi…
E spesso è proprio grazie ai nostri genitori, che ci hanno messo al mondo, ai loro insegnamenti, che riusciremo a prendere determinate decisioni.
Sbaglieremo? Non ci preoccupiamo e ricordiamo che sbagliando si impara.
Ed è proprio sbagliando che cresceremo; e crescendo ricorderemo con emozione le uscite in motorino senza casco, le pazzie con gli amici, la gite scolastiche.

Tutto rimarrà nel nostro cuore e nessuno potrà cancellare quei ricordi che hanno segnato la nostra adolescenza.

Cogitoetvolo